Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Smog, a Bologna ora ‘Aria pesa’ va a misurare cosa si respira nelle scuole

Il comitato 'Aria Pesa' lancia una nuova campagna di rilevazione
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – “Quanto è inquinata l’aria che respirano i nostri figli a scuola?“. E’ la domanda a cui risponderà la nuova campagna di rilevazione del comitato Aria Pesa a Bologna. Questa volta, l’analisi, chiesta e voluta dalla rete dei comitati dei genitori, sarà un approfondimento dedicato alle ‘zone scolastiche’ della città.

“Senza creare alcun tipo di allarmismo, si può osservare che dai dati ottenuti lo scorso febbraio emerge chiaramente un dato significativo e problematico- spiega Luca Tassinari, responsabile di Aria Pesa, la rete di cittadini e associazioni che ha ‘inventato’ un modo semplice per misurar il livello di smog in città- un numero rilevante di scuole ha una qualità dell’aria simile o peggiore a quella di Porta San Felice”, zona di Bologna che ha sforato del 15% i limiti di inquinamento consentiti per legge.

I genitori hanno chiesto controlli specifici

Per questo, molti genitori si sono fatti avanti chiedendo una nuova rilevazione specifica, che preveda il posizionamento di un centinaio di campionatori nelle ‘zone più sensibili’ degli istituti scolastici, quindi cortili, palestre, spazi verdi e parcheggi. In questo modo “si potrà avere una fotografia precisa e completa sulla qualità dell’aria che respirano tutti i giorni gli alunni, sperando di sensibilizzare cittadinanza e istituzioni”, dice Giulio Mannino, rappresentante del Comitato dei genitori.

Subito l’ok di 40 istituti

Anche se la nuova campagna è autonoma, sono già 40 gli istituti che si sono detti favorevoli all’iniziativa. “Speriamo che le scuole decidano di aiutarci concretamente, in più sarebbe interessante estendere questo rilevamento anche a tutti i ‘luoghi informativi’ della città, come università e biblioteche”, aggiunge Luca Basile, coordinatore scientifico della campagna. “Quanto è pesa l’aria a scuola?” sarà autofinanziata dai genitori per una spesa che “si aggira intorno ai 20 euro per ogni campionatore posizionato inclusa l’analisi dei dati”.

di Sara Forni

Leggi anche: Aria, a Bologna troppo inquinamento anche su scuole e parchi

 

Potrebbe interessarti anche:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»