Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Saviano: “Ministro Mala Vita mi ha querelato, non arretro di un passo”

Roberto Saviano commenta la denuncia del ministro dell’Interno Matteo Salvini
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Il Ministro della Mala Vita si e’ deciso a querelarmi. Non ho avuto alcuna comunicazione ufficiale, quindi non so ancora chi sia il magistrato incaricato delle indagini, ma posso assicurare che appena lo sapro’ chiedero’ di essere interrogato”. Lo scrive su facebook Roberto Saviano, commentando la querela del ministro dell’Interno Matteo Salvini. Oggi, aggiunge, “non bisogna arretrare di un passo davanti a un potere che ha il terrore delle voci critiche, che ha il terrore dei testimoni oculari delle nefandezze che si consumano ogni giorno nel Mediterraneo e, in definitiva, ha il terrore di chi ogni giorno afferma con forza che incutere paura e’ l’arma nelle mani di chi vuole restringere le liberta’ personali”.

SAVIANO: UN GOVERNO CONTRO UNO SCRITTORE, IO NON HO PAURA

“Tocca agli uomini di buona volonta’ prendersi per mano e resistere all’avanzata dell’autoritarismo. Anche di quello che, per fare piu’ paura, usa la carta intestata di un Ministero, impegnando l’intero Governo contro uno scrittore. E sono sicuro che in questo ‘governo del non cambiamento’ nessuno fiatera’, aggrappati come sono tutti al potere. Io non ho paura”. Lo scrive su facebook Roberto Saviano, commentando la querela del ministro dell’Interno Matteo Salvini.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»