Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Il ministro Paolo Savona indagato per usura bancaria. Di Maio: “Lo sapevamo”

La Procura di Campobasso indaga tutti i vertici di UniCredit dal 2005 fino al 2013
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La Procura di Campobasso indaga tutti i vertici di UniCredit dal 2005 fino al 2013 per usura bancaria. Tra gli indagati ci sono il Ministro Paolo Savona, Alessandro Profumo, Amministratore Delegato di Leonardo-Finmeccanica e Fabio Gallia, Amministratore Delegato e Direttore Generale di Cassa depositi e prestiti, manager bancari ed altri noti banchieri italiani.

Lo scrive il Quotidiano del Molise nella versione online. Per ora – aggiunge il giornale- c’è solo una richiesta di proroga indagini. La persona offesa è una società facente capo ai fratelli Pietro ed Angelo Santoro, ex presidente dell’Acem Molise e Vice Presidente dell’Associazione Nazionale Imprese Edili Manifatturiere. La società di capitali con un fatturato milionario fino a qualche anno fa, con sede legale a Campobasso, nel passato ha realizzato diversi ed importanti parchi eolici in Molise, in Puglia e in Campania anche per conto della Erg della famiglia Garrone. L’avvocato Luigi Iosa, tra i massimi esperti in Italia in diritto bancario penale, nel 2017 ha curato e depositato l’articolata denuncia dalla quale è scaturita l’inchiesta penale condotta dal pm Rossana Venditti.

SAVONA, DI MAIO: “DIMISSIONI? NO, E’ UN’INDAGINE CHE CONOSCEVAMO”

Il ministro Paolo Savona si deve dimettere in conseguenza dell’iscrizione nel registro degli indagati a Campobasso per usura bancaria? “E’ un’indagine che gia’ conoscevamo”, risponde il vicepremier Luigi Di Maio, al cronista del Fattoquotidiano.it.

Ti potrebbe interessare:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»