Stato-Mafia, i giudici: “La trattativa accelerò la morte di Borsellino”

ROMA – “Non vi è alcun elemento di prova che possa collegare il rapporto  Mafia e Appalti all’improvvisa accellerazione che ebbe  l’esecuzione di Borsellino”. Piuttosto “l’improvvisa accellerazione che ebbe l’esecuzione del  dott. Borsellino” fu determinata “dai segnali di disponibilità  al dialogo, e di cedimento alla tracotanza mafiosa culminata nella strage  di Capaci, pervenuti a Riina attraverso Ciancimino nel periodo precedente la Strage di via d’Amelio”. Così nelle motivazioni della sentenza sulla trattativa Stato-Mafia, depositate nell’anniversario della morte di Borsellino. Nel processo  condannati, tra gli altri, Mori  Dell’Utri, Ciancimino.

20 Luglio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»