Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Stato-Mafia, i giudici: “La trattativa accelerò la morte di Borsellino”

Così nelle motivazioni della sentenza depositate nell’anniversario della morte di Borsellino
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Non vi è alcun elemento di prova che possa collegare il rapporto  Mafia e Appalti all’improvvisa accellerazione che ebbe  l’esecuzione di Borsellino”. Piuttosto “l’improvvisa accellerazione che ebbe l’esecuzione del  dott. Borsellino” fu determinata “dai segnali di disponibilità  al dialogo, e di cedimento alla tracotanza mafiosa culminata nella strage  di Capaci, pervenuti a Riina attraverso Ciancimino nel periodo precedente la Strage di via d’Amelio”. Così nelle motivazioni della sentenza sulla trattativa Stato-Mafia, depositate nell’anniversario della morte di Borsellino. Nel processo  condannati, tra gli altri, Mori  Dell’Utri, Ciancimino.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»