WhatsApp si ferma: terzo stop in Brasile

Per la terza volta infatti, un tribunale brasiliano ha fermato WhatsApp. A stabilire il blocco è stato il giudice di Rio Daniela Borbosa
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

whatsappROMA – A quanto pare, il detto non c’è due senza tre, piace alla magistratura Brasiliana. Per la terza volta infatti, un tribunale brasiliano ha fermato WhatsApp. A stabilire il blocco è stato il giudice di Rio Daniela Borbosa, perché anche in questo caso come le volte precedenti, la piattaforma di messaggistica istantanea si è rifiutata di fornire dati alla polizia che stava svolgendo un’indagine.

WhatsApp bloccato in brasile: la Corte Suprema revoca la decisione

Il giudice ha intimato l’alt alle compagnie telefoniche, e imposto alla piattaforma di Facebook una multa di circa 15mila euro al giorno fino a quando non fossero state fornite le copie dei messaggi richieste dalle autorità per l’indagine. Il blocco però è stato immediatamente revocato dalla Corte Suprema, organo di grado superiore.

Forte lo sconcerto sulla vicenda di Jan Koum, cofondatore di WhatsApp, che ha subito tranquillizato i 100milioni di utenti sul ripristino del black out.

Dal canto suo, con un post su Facebook, l’azienda ha replicato: “Non possiamo condividere informazioni di cui non siamo in possesso”. Ed in effetti è proprio così. Da quest’anno infatti, tutti i messaggi inviati e ricevuti su WhatsApp sono criptati e nessuno può accedervi se non i diretti interessati.

Nei mesi precedenti altri due stop

Prima dell’ultimo blocco, WhatsApp è stato fermato altre due volte in Brasile. La prima volta a dicembre 2015 quando un giudice di Sao Bernardo do Campo, ha stabilito un blocco di 48 ore, poi revocato dopo 12 ore su decisione del tribunale locale. E il 2 maggio scorso, quando un giudice dello stato di Sergipe ha imposto uno stop di 72 ore, revocato il giorno seguente dal tribunale dello Stato.

 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»