Berlusconi, il Senato non autorizza l’uso delle intercettazioni

ROMA  - L'aula del Senato a voto segreto non
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

berlusconiROMA  – L’aula del Senato a voto segreto non autorizza l’autorita’ giudiziaria a poter utilizzare le telefonate tra Silvio Berlusconi e le cosiddette ‘olgettine‘.

Il Senato ha votato contro la relazione della giunta per le autorizzazioni con 120 voti a favore, 130 contrari e 8 astenuti. Dopo le proteste dai banchi del M5s, il presidente Pietro Grasso ha sospeso la seduta.

M5S: GIUSTO USARE INTERCETTAZIONI, CITTADINI SAPPIANO

Le intercettazioni, per 11 delle quali l’Aula del Senato ha negato l’utilizzo, sono quelle ‘hot’ che riguardano i rapporti tra Silvio Berlusconi e le ‘olgettine’. Per il M5S “è giusto che i cittadini sappiano”, dice il capogruppo grillino al Senato Stefano Lucidi. Ma nei corridoi di Palazzo Madama diversi sussurrano: è stata una manovra M5S, a voto segreto hanno cercato di creare problemi al Pd tentando di addossare ai dem il ‘salvataggio’ di Berlusconi.

LEGGI ANCHE

Roma, una ‘rossa’ sessantenne tenta l’assalto a Silvio Berlusconi

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»