Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

MotoGp, in Germania Marquez torna alla vittoria: “Uno dei momenti più importanti in carriera”

Il Cannibale centra l'undicesima vittoria di fila sul circuito del Sachsenring e torna sul gradino più alto del podio dopo 587 giorni. Solo 14° Valentino Rossi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Torna alla vittoria dopo un lunghissimo digiuno Marc Marquez, costretto a fermare la sua corsa fatta di quattro Mondiali vinti di seguito a causa di un grave infortunio al braccio subito lo scorso anno. Lo spagnolo della Honda ha tagliato per primo il traguardo del Gp di Germania, classe MotoGp. Il circuito del Sachsenring si conferma favorevole per lui: qui ha centrato l’undicesima vittoria di fila. Secondo posto per la Ktm di Miguel Oliveira, terzo per la Yamaha di Fabio Quartararo. Quinto e sesto posto per le due Ducati, rispettivamente con Francesco Bagnaia e Jack Miller. Quattordicesimo posto per Valentino Rossi, che porta a casa due punti.

IL CANNIBALE: “UNO DEI MOMENTI PIÙ IMPORTANTI DELLA MIA CARRIERA”

“È uno dei momenti più importanti e difficili della mia carriera”. Marc Marquez è tornato al successo dopo un digiuno durato 587 giorni. Lo ha fatto sulla sua pista, quella del Sachsenring: sono otto i successi nella classe regina, undici in totale quelli consecutivi da queste parti. “È stato un momento duro – ha detto ancora Marquez ricordando il lungo stop per infortunio – Da soli non si supera. Ho avuto tanta gente dietro, la Honda, il team, la mia famiglia. Da soli non ce la si fa“. Marquez ha poi rivelato quanto decisivo sia stato un colloquio avuto con una leggenda come quella di Mick Doohan. Parlare con lui è stata “una delle cose che mi ha aiutato tanto”, ha detto raccontando di un incontro al Mugello. Doohan ha raccontato a Marquez “cosa gli è successo nel 92/93, lui parlava ed ascoltava. Mi diceva quello che sta accadendo a me adesso”.

“QUANDO HO VISTO L’ACQUA HO CAPITO CHE OGGI ERA IL MIO GIORNO”

Ma il rapporto di Marquez con il circuito tedesco è speciale, e forse il ritorno alla vittoria non poteva che arrivare al Sachsenring: “Era buono per me ma la situazione era difficile, venivo da tre cadute, ho guidato, ho provato a non pensare da dove arrivavo”. Semplicemente, ha proseguito lo spagnolo della Honda, “ho pensato a guidare la moto. Quando ho visto l’acqua ho pensato: ‘Oggi è il mio giorno’“. “Sapevo di avere una grandissima opportunità – ha detto pochi istanti dopo aver vinto il Gp di Germania, classe MotoGp – Non era facile da un punto di vista mentale. Mi sono detto ‘devo provarci, proverò a lottare per il podio'”. Lo spagnolo della Repsol non pensava però di tagliare il traguardo per primo: “Per la vittoria avevo poche possibilità – ha ammesso il Cannibale – Quando ho visto qualche goccia, mi sono detto ‘questa sarà la mia gara’. Quando sono arrivate le seconde goccioline ho spinto ancora di più”. Qui, per lui, “è iniziata una seconda gara, con Oliveira..

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»