FOTO | VIDEO ‘Il libro incartato’, un viaggio disegnato da Rita Petruccioli

A tu per tu con la fumettista e illustratrice romana tra le pagine del suo graphic novel
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Un racconto appassionato tra tavole e storyboard, tecniche di disegno, tavolette grafiche e anche quel ritorno – dopo quasi 10 anni – al foglio e alla matita. L’ospite de’ Il libro incartato’, l’appuntamento mensile di Dire Cultura nella libreria Il Giardino Incartato di Roma, e’ Rita Petruccioli.

CHI E’ RITA PETRUCCIOLI

Nonostante il “percorso tortuoso” e la mancanza di riferimenti femminili in un mondo fino a qualche tempo fa prevalentemente maschile, oggi Rita e’ a pieno titolo “fumettista professionista”. Non e’ un caso che il suo segno sia riconoscibile in battaglie di “genere” e che il suo portfolio racconti di donne combattenti e eroine medioevali. Dopo una laurea all’Accademia di Belle Arti di Roma e la scuola d’arte a Parigi e’ diventata illustratrice; tuttora il suo lavoro, pubblicato in Italia e all’estero, spazia tra magazine, advertising, libri per bambini e fumetti. Ma non solo, insegna illustrazione alla Rufa e collabora con festival come ARF! e La Citta’ Incantata.

È approdata al fumetto dopo un lungo percorso di “emancipazione” perche’, spiega, l’illustrazione e’ convenzionalmente un mestiere piu’ adatto alle donne. Poi, grazie anche alla collaborazione con Giovanni Masi (lo sceneggiatore di “Frantumi”, Bao Publishing 2017), ha scoperto che i fumetti puo’ non solo disegnarli ma anche scriverli.

Il libro incartato che ci ha portato, di cui e’ autrice unica, nasce da una serie di esperienze provate per davvero: l’erasmus e i viaggi in camion. La nostra chiacchierata e’ un viaggio nel viaggio, c’e’ un Tolosa/Roma andata e ritorno ma anche un’incursione nel 1400, senza tralasciare i nostri giorni, lockdown compreso. Rita Petruccioli riesce a parlare con disinvoltura di “Christine e la citta’ delle dame” (Editore Laterza 2015), che parla della prima donna pagata per scrivere un libro “Christine de Pizan”, de “Il deserto dei tartari” di Dino Buzzati e anche di quei corsi “Al di la’ degli stereotipi a fumetti” alla casa delle donne Lucha y Siesta con Zerocalcare e Carola Susani. Ci sarebbe poi il capitolo dell’arte contemporanea con Tracey Emin ma, per saperne di piu’, bisogna leggere (e guardare) il graphic novel. Un libro non autobiografico, precisa Rita, ma che porta con se’ battaglie e riflessioni personali.
Storie e esperienze che l’hanno portata a volersi occupare della narrazione della violenza declinata a una specifica fascia d’eta’: quella dei ventenni.

IL LIBRO INCARTATO

Un appuntamento in libreria per entrare nel mondo del graphic novel con gli autori. Tra racconti, aneddoti e tavole illustrate, il titolo sara’ ‘scartato’ solo alla fine.

IL GIARDINO INCARTATO

Il Giardino Incartato e’ una libreria indipendente per bambini e ragazzi, ma non solo. Cresciuta tra i palazzi di Via del Pigneto, a Roma, da nove anni porta il quartiere nel mondo di piccole e grandi case editrici, scommettendo sull’editoria di qualita’. “Un bel libro per noi e’ quello in cui la storia ci sorprende e racconta proprio quello per cui cercavamo le parole, dove i disegni sono una scoperta e un piacere per gli occhi. Poi ci sono i giochi che ci piacciono per i materiali scelti (carta e legno), il gusto un po’ retro e la fantasia nell’inventare nuovi modi di stare insieme tra i bimbi e con i bimbi”. A gestirla sono Barbara e Cecilia, con la collaborazione e i disegni di Alessandra.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

20 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»