Ambiente, staffetta di 384 chilometri per salvarlo. Ma l’idea è di 33 anni fa

Sabato 10 e domenica 11 agosto si correrà una speciale staffetta ambientale, da Roma a Loiano, un paesino per l'Appennino bolognese. Ma la prima edizione di questa iniziativa è stata nel 1986
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Partenza sabato 10 agosto alle 5 da Roma e arrivo a Loiano, sull’Appennino bolognese, il giorno dopo alle 17. Nel mezzo, 384 chilometri percorsi di corsa da tante squadre di podisti, che correranno ininterrottamente (di notte e di giorno) per 36 ore in una speciale staffetta che vuole lanciare un messaggio di rispetto per l’ambiente. Si chiama ‘Viva il verde‘ ed è un’iniziativa lanciata dal Comune di Loiano ma in realtà ‘ripescata’ dal passato: venne fatta per la prima volta 33 anni fa, nel 1986, poi di nuovo nel 1996. Oggi, a distanza di 23 anni dalla seconda edizione, la speciale staffetta ‘Viva il Verde’ tornerà a ripercorrere le strade d’Italia in un momento in cui le questioni ambientali sono un tema quanto mai attuale.

“C’è chi ci mette la faccia, come la giovanissima Greta Thunberg, che è riuscita a mobilitare nel suo Global Strike for Future milioni di persone. C’è chi ci mette il cuore, impegnandosi giorno dopo giorno a livello personale con comportamenti virtuosi. Con ‘Viva il Verde’ abbiamo pensato di metterci le gambe, la nostra energia, il nostro impegno”, dicono gli organizzatori dalla pagina facebook dell’evento, definendo la staffetta “un contributo per favorire una nuova coscienza ambientale”. La cosa curiosa è che i podisti in campo saranno in buona parte gli stessi delle due precedenti edizioni, ma a loro si affiancheranno dei giovani nell’idea di passare il testimone alle nuove generazioni e far diventare l’iniziativa un appuntamento fisso. La staffetta ambientale è aperta a tutti: chi si vorrà unire al gruppo di partenza potrà farlo, e percorrere anche solo in parte il percorso.

L’idea originaria, che ha portato alla prima staffetta del 1986, fu messa in piedi da un gruppo di cittadini di Loiano (fra i 20 e i 50 anni) che volevano in questo modo dare una testimonianza della vocazione ecologica della comunità. Nel 1996 la staffetta fu poi ripetuta con successo e la partecipazione di tutti i podisti della prima edizione. Quest’anno, all’impresa sportiva, si affiancheranno molte altre iniziative collaterali (dalla campagna sui social a eventi ad hoc) nell’intento di coinvolgere il maggior numero possibile di persone, associazioni, istituzioni e mass media.

Alcune foto d’epoca delle due edizioni del 1986 e 1996:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

20 Giugno 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»