Al DIG.Eat 2019 i trust services raccontati da Gmed e Aruba

ROMA – Come nasce la collaborazione fra un’azienda dei servizi digitali web/Data center e un’azienda del mercato sanitario? Lo hanno spiegato, in occasione del Dig.Eat 2019, l’evento sul digitale organizzato da Anorc lo scorso 30 maggio al Teatro Eliseo di Roma, il ceo di Gmed, Mirko Giulianini, e il direttore Trust services di Aruba Enterprise, Andrea Sassetti. “Nel momento in cui c’e’ stata l’esigenza di avere una forte componente specialistica sull’ambito clinico e clinico-diagnostico in alcune importanti gare- ha spiegato Giulianini- Abbiamo unito le forze mettendo le competenze di Gmed sul trattamento del dato clinico e l’expertise sull’interoperabilita’ dei documenti clinici sanitari, con la forza di Aruba in termini di sicurezza dell’infrastruttura tecnologica e in termini di know-how sulla parte di crittografia, di Certification authority e servizi per la pubblica amministrazione”.

“I Trust services sono quelli che e’ una volta venivano chiamati i servizi di certificazione- ha aggiunto Andrea Sassetti- quindi tutto quello che e’ il mondo delle firme digitali e le sue varie declinazioni, come la firma elettronica qualificata avanzata semplice, i servizi di recapito certificato e tutta una serie di servizi che il regolamento eIDAS chiama ‘trust services’ ossia servizi fiduciari. Noi siamo qui al Dig.Eat in veste di Aruba Enterprise, il brand con il quale Aruba offre questo tipo di servizi e, inoltre, i servizi Cloud e di Data center.

Ci siamo qualificati come Cloud service Provider in ambito Cloud Pa di recente e come fornitori di trust services sia per la pubblica amministrazione che per le imprese. Aruba Enterprise- ha concluso- vuole affiancare la pubblica amministrazione nei processi di dematerializzazione, digital transaction, formando tecnologia abilitante e servizi chiavi in mano, andando a lavorare su processi che con la opportuna costumizzazione possono andare a soddisfare i requisiti del cliente”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Guarda anche:

20 Giugno 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»