Roma, Raggi domani in tribunale: al via il processo per falso per la nomina di Marra

Virginia Raggi è attesa in Tribunale per il processo che la vede imputata di falso per la nomina di Renato Marra, fratello di Raffaele
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – E’ arrivato il giorno della vigilia per la sindaca di Roma, Virginia Raggi, che domani è attesa in Tribunale a piazzale Clodio per l’inizio del processo che la vede imputata di falso per la nomina a capo della Direzione Turismo di Renato Marra, fratello di Raffaele, ex capo del personale e braccio destro della prima cittadina. Che nel frattempo è finito in carcere per corruzione in concorso con il costruttore Sergio Scarpellini nell’ambito di un altro procedimento e che, in quello che coinvolge anche Raggi, dovrà rispondere di abuso d’ufficio.

Per Raggi, che si è già detta “certa” della sua innocenza auspicando “quanto prima l’accertamento della verità giuridica dei fatti”, la richiesta di rinvio a giudizio era arrivata dalla Procura il 28 settembre scorso e accolta dal gup del Tribunale di Roma il 3 gennaio, pochi giorni prima di quando avrebbe dovuto celebrarsi l’udienza preliminare. L’accusa alla sindaca è quella di aver mentito all’Anticorruzione del Campidoglio. La sentenza dovrebbe essere attesa per l’autunno.

Leggi anche:

Roma, Raffaele Marra rinviato a giudizio per abuso d’ufficio

Virginia Raggi indagata per la nomina del fratello di Marra, lei: “Ho già avvisato Beppe Grillo”

Roma, Lombardi: “Gli insulti di Marra? Per me una medaglia al valore”

Roma, il dem Esposito attacca Virginia Raggi: “Marra era un sindaco occulto”

Carabinieri sequestrano l’appartamento di Marra: “Acquistato con denaro proveniente da corruzione”

M5s, Fico: “Marra grave errore del sindaco Raggi”

Di Maio attacca: “Mai garantito per Marra, querelo i giornalisti”

Arrestato per corruzione Raffaele Marra, il braccio destro di Virginia Raggi

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»