Omicidio Varani, Marco Prato si suicida in carcere: “Su di me tante menzogne”

ROMA - Si e' suicidato in cella Marco Prato, il 31enne che tra il 3 e il 4
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Si e’ suicidato in cella Marco Prato, il 31enne che tra il 3 e il 4 marzo dello scorso anno, insieme a Manuel Foffo, aveva ucciso Luca Varani durante un festino a base di droga e alcol. Prato si trovava nel carcere di Velletri e domani avrebbe avuto una udienza del processo.

L’uomo e’ stato trovato durante il giro di ispezione da parte degli agenti della Polizia penitenziaria con un sacchetto di plastica in testa, soffocato. Il suo compagno di cella non si sarebbe accorto di nulla. E’ stata disposta l’autopsia.

Stando alle prime ricostruzioni, Prato avrebbe respirato il gas della piccola bombola in dotazione ai detenuti, chiudendosi poi la testa con la busta di plastica. Nella cella, inoltre, sarebbe stata ritrovata una lettera in cui vengono spiegate le motivazioni del gesto. Una frase suona così: “Su di me tante menzogne“.

Marco Prato aveva scelto il rito ordinario, e appunto domani avrebbe avuto una udienza del processo per l’omicidio di Luca Varani. Manuel Foffo invece, giudicato con il rito abbreviato, è già stato condannato a 30 anni.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»