hamburger menu

Ddl concorrenza, Draghi a Casellati: “Se non arriva l’ok entro maggio il Pnrr è a rischio”

Draghi sprona Casellati sul ddl concorrenza: deve essere al più presto discusso in Senato, altrimenti si mette a rischio il raggiungimento di un obiettivo fondamentale del Pnrr

mario draghi

ROMA – “Nel rispetto delle prerogative parlamentari, senza una sollecita definizione dei lavori del Senato” con l’iscrizione in Aula del ddl sulla concorrenza “e una sua rapida approvazione entro fine maggio, sarebbe insostenibilmente messo a rischio il raggiungimento di un obiettivo fondamentale del Pnrr”. È uno dei passaggi della lettera che il Presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha inviato alla presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati.

“OPERAZIONI DI VOTO NON ANCORA INIZIATE”

Dopo aver ricordato che il ddl è stato presentato al Senato il 3 dicembre scorso, il Presidente del Consiglio ha segnalato che la commissione competente ha fissato il termine per gli emendamenti e i sub emendamenti fra il 14 e 17 marzo scorso e “ad oggi, malgrado numerose riunioni con le forze parlamentari, le operazioni di voto non risultano effettivamente iniziate.

“Coerentemente con gli impegni assunti con il Pnrr, entro il mese di dicembre 2022 – ha aggiunto Draghi – risulta necessario approvare non solo il disegno di legge annuale sulla concorrenza e il mercato, ma anche i relativi strumenti attuativi”.

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-05-20T17:31:45+02:00