Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Sindacati della Basilicata: “Basta morti sul lavoro, investire in sicurezza”

sicurezza sul lavoro-min
Secondo i dati Inail nel primo trimestre dell'anno hanno perso la vita 185 lavoratori, nel 2020 le morti sono state più di 1.200, almeno il 50% per Covid e riguardano gli operatori sanitari
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

POTENZA – È partita oggi dalla sede dell’azienda sanitaria di Potenza la campagna di Cgil, Cisl e Uil Basilicata su tutto il territorio regionale per dire “basta alle morti sul lavoro”. I segretari generali Angelo Summa (Cgil), Enrico Gambardella (Cisl) e Vincenzo Tortorelli (Uil) sono intervenuti all’assemblea degli operatori sanitari per poi incontrare i lavoratori edili sulla Tito-Brienza, al cantiere dove lo scorso 30 marzo ha perso la vita l’operaio Antonio Cavallucci.

“La sicurezza nei luoghi di lavoro – affermano alla Dire i tre segretari regionali – è ormai emergenza nazionale. Secondo i dati Inail nel primo trimestre dell’anno hanno perso la vita 185 lavoratori, nel 2020 le morti sono state più di 1.200, almeno il 50% per Covid e riguardano gli operatori sanitari”.
La priorità, secondo i sindacati, oltre a diffondere la cultura della sicurezza nei luoghi di lavoro, è investire nella prevenzione: “Servono nuovi ispettori del lavoro, in Basilicata ce ne sono appena 40 a fronte di una moltitudine di aziende”, concludono i segretari.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»