Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Migranti, Draghi: “È ora di trovare un accordo con l’Europa”. Letta: “Basta veti nazionali”

Foto credit @Flavio Gasperini - Sos Mediterranee
Il premier annuncia che riproporrà al prossimo Consiglio europeo il meccanismo di riallocazione mentre il segretario dem chiede di superare il voto all'unanimità nell'Ue
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Di Ugo Cataluddi e Alessio Pisanò

ROMA – Nel corso della conferenza stampa a palazzo Chigi per l’approvazione del decreto Sostegni bis, il presidente del Consiglio Mario Draghi ha parlato anche della questione migranti e della necessità di trovare un accordo nell’Unione europea: “Il meccanismo di riallocazione dei migranti nelle discussioni europee è stato messo a dormire, nel Consiglio europeo di lunedì lo riproporrò e dovremo trovare un accordo“, ha sottolineato il premier.

LEGGI ANCHE: Migranti, Lamorgese: “Nuovo patto Ue non soddisfacente per l’Italia, serve sforzo straordinario”

LETTA: “VOTO ALL’UNANIMITÀ È LA DISGRAZIA DELL’UE”

Nel frattempo, il segretario del Partito democratico, Enrico Letta, era a Bruxelles per un incontro con l’Alto rappresentante Ue Josep Borrell. “Se in Europa vogliamo aspettare sempre di essere tutti d’accordo su temi come le migrazioni non si andrà da nessuna parte – ha spiegato Letta -. Su alcune questioni prioritarie come la gestione dell’emergenza migratoria bisogna avere il coraggio di lasciare indietro chi non è d’accordo e blocca sempre tutto, come gli ungheresi o i polacchi. Se non si superano i veti nazionali non si riuscirà a trovare nessuna soluzione“. Per questo, il segretario dem ha dichiarato di aver “fortemente incoraggiato il vicepresidente Borrell sulla questione di una soluzione al problema del voto all’unanimità, che è diventata la disgrazia dell’Unione europea. Il voto all’unanimità blocca tutto e rende impossibile giungere a soluzioni efficaci”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»