Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

G20, accordo Bari-Matera per promuovere le risorse storico-culturali locali

Una collaborazione per la definizione e la realizzazione di azioni strategiche condivise "in materia di mobilità sostenibile di persone e merci, cultura e turismo, servizi per le città intelligenti"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BARI – Una firma per definire e realizzare azioni strategiche condivise in materia di promozione turistica e culturale della macroregione Bari-Matera. A porla sono stati questa mattina i sindaci delle due città, Antonio Decaro e Domenico Bennardi, che hanno siglato un protocollo di intesa che impegna le città ad attuare progetti finalizzati a promuovere la qualità della vita e la valorizzazione delle risorse storico-culturali e ambientali locali, attivando forme di collaborazione permanenti per la definizione e la realizzazione di azioni strategiche condivise “in materia di mobilità sostenibile di persone e merci, cultura e turismo, servizi per le città intelligenti, organizzazione di eventi di respiro nazionale e internazionale e ottimizzazione della ricettività turistico-alberghiera”.

L’accordo prevede che entrambi i Comuni, anche attraverso il coinvolgimento di altre istituzioni pubbliche e private, si impegnino a trovare le risorse finanziarie necessarie per l’attuazione degli interventi individuati in cabina di regia (composta da cinque rappresentanti per ognuna delle istituzioni) adottando tutte le procedure, tecniche e amministrative necessarie alla rapida realizzazione dei progetti, nonché a definire e attuare azioni di monitoraggio e verifica della qualità dei processi e dei progetti, attivati e realizzati.

Il protocollo si inserisce nel solco delle esperienze che, negli ultimi anni, hanno accomunato le due città, a partire dalla condivisione di obiettivi di cooperazione strategica, poi concretizzatisi nella stipula di vari accordi istituzionali in ambito di mobilità, servizi per le città intelligenti, turismo e cultura, sulla base dell’esperienza di Matera Capitale europea della Cultura 2019 e della candidatura di Bari a Capitale italiana della Cultura 2022. L’appuntamento di oggi è stato anche l’occasione per fare il punto sul programma in corso di definizione del primo importante appuntamento di rilievo internazionale, il prossimo G20, che ospiterà le delegazioni dei ministeri degli esteri dei venti Paesi dell’economia del mondo a Matera e che vedrà il coinvolgimento della città di Bari.

“Sulla scia della collaborazione e delle esperienze comuni alle due città nasce il progetto della Casa della tecnologia, finanziata lo scorso dicembre per Bari e l’anno precedente per Matera, ora arriva l’opportunità del G20 in programma a Matera a fine giugno. Un appuntamento che nei fatti segnerà la ripresa dell’attività politica e istituzionale mondiale, oltre che una ripresa economica e sociale per i nostri territori”. Così Decaro che ha aggiunto: “Bari, infatti, sarà impegnata in questo evento come sede logistica degli ospiti e, insieme a Matera, si farà trovare pronta in modo da offrire la migliore ospitalità di cui le nostre terre sono capaci, dando così un’ottima opportunità professionale ai nostri operatori”.

“Un sistema di collaborazione permanente, come quello della macroregione Matera-Bari, porta enormi vantaggi perché significa avere – ha spiegato Bennardi – una strategia che fa da contrappeso al lavoro quotidiano a discapito di uno sguardo sul domani. L’intesa istituzionale tra le due città interpreta e coglie movimenti che sono già in atto e che possono consentire di massimizzare tutte le potenzialità offerte dai rispettivi sistemi economico-produttivi e sociali”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»