Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Sea Eye approderà a Pozzallo: “Eravamo vicini a Palermo, invece siamo ancora in viaggio”

ALAN_KURDI_SEA_EYE
Il sindaco Leoluca Orlando aveva dato la disponibilità per accoglierli, ma le autorità italiane hanno indirizzato la nave verso il ragusano, costringendo i 414 migranti ad un'altra notte di navigazione
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO – La nave Sea Eye 4, con 414 migranti a bordo, approderà al porto ragusano di Pozzallo. La ong, però, critica la decisione delle autorità italiane: “Finalmente è stato assegnato un porto sicuro ma perché Pozzallo, che si trova a molte miglia nautiche? Come ha fatto l’Italia a mandare una nave di soccorso con centinaia di persone esauste e 150 bambini ancora in viaggio marittimo di due giorni, anche se era già davanti a un porto sicuro il cui sindaco ha già lanciato un invito a chi cerca protezione?”. Quando è arrivata l’assegnazione di Pozzallo, infatti, la Sea Eye 4 si trovava al largo di Capo Gallo, a Nord-ovest di Palermo, città che con il suo sindaco, Leoluca Orlando, aveva dato la disponibilità ad accogliere i migranti.

La nave in questo momento, dopo un’altra notte di navigazione, si trova al largo della costa messinese e dovrà attraversare lo Stretto per poi virare verso Sud, facendo rotta verso Pozzallo.

LEGGI ANCHE: Migranti, Sea Eye 4: “Tempo in peggioramento, rotta verso Palermo”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»