VIDEO | Fase 2 e sport, l’esperto rassicura: “Il cloro della piscina evita il contagio con il virus”

Attilio Turchetta (Bambino Gesù Roma): "In acqua mantenere la distanza, niente doccia nella struttura e portare un doppio cambio per i bimbi"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “È da escludere il contagio del virus attraverso l’acqua delle piscine, grazie alla forza dell’importante clorazione che la disinfetta”. Lo dichiara alla Dire Attilio Turchetta, direttore dell’unità di Medicina dello sport dell’Ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma (Opbg) ed esperto della Società italiana di pediatria (Sip) per le attività sportive.

RAPPORTO METRI CUBI E BAMBINI IN ACQUA

“Ci sono però – spiega – delle regole da rispettare come la distanza in acqua. Per questo c’è un rapporto, calcolato in metri cubi, tra la grandezza della piscina e il numero dei bambini che possono nuotare”. Riaprono dunque i centri sportivi, le associazioni e le palestre ma non si possono utilizzare le loro docce. Per questo Turchetta consiglia ai genitori dei bambini più piccoli “di portare da casa un doppio cambio per evitare – conclude – che si ammalino con degli indumenti bagnati addosso”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»