VIDEO | Buffet a conferenza stampa, polemiche a Genova

A Genova è polemica per un buffet al termine di una conferenza stampa a cui hanno partecipato anche il sindaco Bucci e il governatore Toti. Il Pd attacca: "Le regole valgono solo per alcuni?"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

GENOVA – Polemiche a Genova per un rinfresco organizzato in occasione della presentazione dei lavoratori di restauro dell’Albergo dei poveri. Un momento aperto alla stampa, organizzato dall’Asp Emanuele Brignole e a cui, tra gli altri questa mattina hanno partecipato il sindaco Marco Bucci, il governatore Giovanni Toti, gli assessori comunali Pietro Piciocchi e Simonetta Cenci, gli assessori regionali Ilaria Cavo e Gianni Berrino. “Nella notte sono stati liberalizzati i buffet? C’è una nuova ordinanza di Toti e Bucci che dà il via libera ai cocktail rinforzati? O le regole valgono solo per alcuni?”, chiede in una nota sarcastica il gruppo del Partito democratico in consiglio comunale.

LEGGI ANCHE: Regionali, Toti: “Fateci votare a fine luglio”





Previous
Next

“Ci risulta che questa mattina, alla cerimonia di inaugurazione dei lavori di restauro dell’Albergo dei Poveri- ricostruiscono i fatti i dem- i presenti abbiano banchettato in spregio alle ordinanze anti contagio, prelevando senza guanti e mascherine da cabaret di focaccia e cesti di patatine. Il tutto, mentre bar e ristoranti dopo due mesi di chiusura sono costretti a rispettare regole rigidissime per la consumazione di cibi al banco e al buffet”.

Il Pd si chiede quali siano “le regole in vigore” e se valgano “per tutti. Dalle istituzioni pretendiamo serietà e attendiamo chiarezza”. Intanto, proprio oggi pomeriggio dovrebbe arrivare dalla Regione una nuova ordinanza che, come annunciato ieri dal governatore Toti, tra le altre misure potrebbe anche consentire proprio qualche apertura sul fronte degli aperitivi e dei buffet.

LEGGI ANCHE: Fase 2, in Liguria riapriranno giostre e parchi divertimento

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»