Il futuro della pubblica amministrazione: smart working per il 40% e basta feticcio del cartellino

Così la ministra della Pubblica Amministrazione Fabiana Dadone in un'intervista a 'La Stampa'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Una pubblica amministrazione “più flessibile, dinamica, digitalizzata” con lo smart working “tra il 30 e il 40% dei dipendenti” dopo la pandemia. Così la ministra della Pubblica Amministrazione Fabiana Dadone in un’intervista a ‘La Stampa’.

LEGGI ANCHE: Il futuro di Twitter: “Pronti allo smart working per sempre”

Per la ministra bisogna poi abbandonare “il feticcio del cartellino, le polemiche sui furbetti, e iniziamo- invita- a far lavorare per obiettivi, con scadenze giornaliere, settimanali, mensili. Servirà un cambio di mentalità, nella formazione del personale e nel ruolo dei dirigenti”, conclude.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»