VIDEO | ‘Ndrangheta, boss e gregari con reddito di cittadinanza: 101 denunciati

Tra i 101 denunciati ci sono esponenti di spicco delle cosche di Reggio Calabria e della Locride: hanno percepito più di 516 mila euro che saranno recuperati
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

REGGIO CALABRIA – Centouno persone ritenute organiche alle maggiori cosche della ‘ndrangheta del reggino, tra questi anche boss e gregari, percepivano indebitamente il reddito di cittadinanza. A scoprirlo sono stati gli agenti della guardia di finanza nel corso dell’operazione ‘Mala civitas’ che ha interessato oltre 500 soggetti gravati da pesanti condanne passate in giudicato.

LEGGI ANCHE: Reddito cittadinanza, Di Maio: “Chi truffa rischia 6 anni carcere”. Via dal 2019

Tra le 101 persone individuate dalle fiamme gialle risultano esponenti di spicco di gran parte dei gruppi criminali della città di Reggio Calabria e dei territori della Locride, tra questi anche soggetti già noti come tra i più influenti broker mondiali nel traffico di stupefacenti.

Tutti i coinvolti sono stati denunciati alle autorità giudiziarie di Reggio Calabria, Locri, Palmi, Vibo Valentia e Verbania e sono stati segnalati all’Inps per l’avvio del procedimento di revoca dei benefici ottenuti, con il conseguente recupero delle somme già elargite che ammontano a circa 516mila euro. Sarà anche interrotta l’erogazione del sussidio che avrebbe comportato una ulteriore perdita di risorse pubbliche per più di 470mila euro.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»