VIDEO | ‘Ndrangheta, boss e gregari con reddito di cittadinanza: 101 denunciati

Tra i 101 denunciati ci sono esponenti di spicco delle cosche di Reggio Calabria e della Locride: hanno percepito più di 516 mila euro che saranno recuperati
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

REGGIO CALABRIA – Centouno persone ritenute organiche alle maggiori cosche della ‘ndrangheta del reggino, tra questi anche boss e gregari, percepivano indebitamente il reddito di cittadinanza. A scoprirlo sono stati gli agenti della guardia di finanza nel corso dell’operazione ‘Mala civitas’ che ha interessato oltre 500 soggetti gravati da pesanti condanne passate in giudicato.

LEGGI ANCHE: Reddito cittadinanza, Di Maio: “Chi truffa rischia 6 anni carcere”. Via dal 2019

Tra le 101 persone individuate dalle fiamme gialle risultano esponenti di spicco di gran parte dei gruppi criminali della città di Reggio Calabria e dei territori della Locride, tra questi anche soggetti già noti come tra i più influenti broker mondiali nel traffico di stupefacenti.

Tutti i coinvolti sono stati denunciati alle autorità giudiziarie di Reggio Calabria, Locri, Palmi, Vibo Valentia e Verbania e sono stati segnalati all’Inps per l’avvio del procedimento di revoca dei benefici ottenuti, con il conseguente recupero delle somme già elargite che ammontano a circa 516mila euro. Sarà anche interrotta l’erogazione del sussidio che avrebbe comportato una ulteriore perdita di risorse pubbliche per più di 470mila euro.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

20 Maggio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»