AS Roma, rivolta globale contro pallotta: da Sydeny a Miami, la rivolta è social

La protesta dei romanisti ha assunto nel weekend proporzioni globali, con striscioni esposti in ogni parte del mondo dai tifosi giallorossi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Da Sydney a Miami, da New York a Parigi passando per Amsterdam, Salonicco, Copenhagen. La protesta dei romanisti ha assunto nel weekend proporzioni globali, con striscioni esposti in ogni parte del mondo dai tifosi giallorossi all’estero e fatti rimbalzare sui social, dove la contestazione nei confronti del patron James Pallotta e del suo consigliere ombra Franco Baldini, dopo la gestione del mancato rinnovo di Daniele De Rossi, è diventata virale.

LEGGI ANCHE: Daniele De Rossi saluta la Roma: “Non vogliono che giochi, ma sarò sempre tifoso”

E non vengono risparmiate nemmeno le pagine Facebook d’oltreoceano: se la scorsa settimana a essere preso di mira era stato il profilo del ristorante delle sorelle Pallotta a Boston – poi chiuso ai commenti dall’Italia – che aveva fatto irritare il presidente, tra ieri e oggi è il turno dei Celtics.

La pagina della franchigia di Nba, di cui l’imprenditore statunitense è socio, è stata inondata da centinaia di commenti in italiano e in inglese da profili anche vietnamiti, indonesiani, turchi: ‘Freedom for AS Roma’ e ‘Pallotta go home’ i più gettonati con ‘Baldini out’, ‘Pallotta facce Tarzan’. E ancora ‘Vendi la Roma e vattene’, ‘Non vogliamo né te né lo stadio’.

Nel mirino, però, c’è anche la pagina Facebook del Mit, il Massachusetts Institute of Technology, celebre ateneo di Cambridge, nell’area metropolitana di Boston, e una delle più importanti università di ricerca del mondo: qui i tifosi hanno lanciato l’hashtag #SellAsRoma, inserendo decine di ‘Pallotta vattene’ tra post di ingegneria meccanica e biologia.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

20 Maggio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»