Musica, dal 12 al 14 luglio l’Home festival sbarca a Venezia

Quattro palcoscenici, di cui uno all’interno di una tensostruttura, “per poter continuare fino a notte inoltrata”
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Dal 12 al 14 luglio il parco di San Giuliano di Mestre, Venezia, si trasformerà in un villaggio della musica grazie alla prima edizione dell’Home Venice, l’unico festival del genere in Italia. “Arriviamo nel momento giusto in una città che sta cambiando e che si sta rivolgendo sempre di più ai giovani”, afferma Amedeo Lombardi, ideatore dell’Home Festival che, nato a Treviso nove anni fa, nel tempo è cresciuto fino a diventare un punto di riferimento nel panorama italiano e internazionale.

“Siamo un contenitore di esperienze e arriviamo con un progetto preciso nella città che da sempre ha ispirato il mondo”, prosegue Lombardi sottolineando che la line up ha nomi di primo livello, perché il festival vuole essere “all’altezza della città che ci ospita”.

HOME VENICE, IL MEGA VILLAGGIO

Nei tre giorni di festival a San Giuliano ci saranno quattro palcoscenici, di cui uno all’interno di una tensostruttura, “per poter continuare fino a notte inoltrata”. I cancelli chiuderanno infatti alle 4 di notte, ma si potrà anche rimanere a dormire nell’apposita area campeggio, dove si potrà trovare spazio con la propria tenda o anche approfittare delle strutture di glamping che saranno predisposte, ovvero tende di lusso in versione da quattro persone o suite da sei persone, con illuminazione, materassi, biancheria, pavimentazione, guardaroba, caricatori usb e colazione.

Sono poi previste aree sport, per i buskers, per famiglie, una 15ina di punti ristoro e vari ristoranti. “Sarà un mega villaggio”, afferma Lombardi, evidenziando che i concerti saranno oltre 100.

HOME VENICE, GLI ARTISTI

Partendo da venerdì 12 luglio, si esibiranno Aphex Twin, Editors, Jon Hopkins, Rival, The Vaccines, Alborosie, Moodymann, Canova, Mellow Mood, Spiller, Furio e Ska-J. Il 13 luglio suoneranno invece Paul Kalkbrenner, Lp, Pusha T, Modeselektor, Gazzelle, Adam Beyer, Tedua, Noyz Narcos, Franco 126, Massimo pericolo, Ensi. Il 14 luglio, infine, Young Thug, Mura Masa, Gué Pequeno, Boombadash, Anastasio, Christian Effe, Elettra Lamborghini, Sick Luke, Side Baby, Ackeejuice Rockers. Si esibiranno comunque molti altri artisti, l’elenco completo è disponibile sul sito internet dell’Home Festival. Molti sono anche i media partner, Radio M2o, La Stampa, TgCom24, i canali tv Vh1 e Mtv Music, Billboard Italia, Deer Waves, Soundsblog.it, Vevo, Spotify, Studentsville.it. Fimi, Assomusica ed Esns hanno invece dato il patrocinio istituzionale.

HOME VENICE, I BIGLIETTI

I biglietti sono già disponibili online, ad un prezzo che parte da 50 euro e sale a seconda delle opzioni scelte, permettendo un’ampia customizzazione dei servizi acquistati. L’idea è infatti di creare una sinergia con i trasporti e le strutture ricettive del territorio, in modo da offrire pacchetti completi.

BRUGNARO: “VENEZIA RIPARTE DAI GIOVANI”

“Con questo evento puntiamo non a parole ma con i fatti sui giovani. Così si rilancia la città”, interviene il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro. “È bello che Venezia riparta dai giovani”. L’amministrazione “sta attrezzando la città e il parco San Giuliano, e nei prossimi nove anni questa cosa crescerà sempre più”, continua Brugnaro ricordando che Home Festival ha vinto una gara pubblica e ha un contratto per organizzare l’evento per i prossimi nove anni. “Già quest’anno hanno investito 2 milioni e continueranno a investire almeno 1 milione l’anno per i prossimi nove anni”, sottolinea Brugnaro. Gli spettatori attesi sono almeno “15.000 20.000 al giorno”, conclude Lombardi. “La volontà è di portare qui un festival di quelli che in Italia non si vedono, ma che tutti i giovani vanno a vedere all’estero. Finalmente anche l’Italia avrà una manifestazione, nella città più bella al mondo”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

20 Maggio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»