Giornale radio sociale, edizione del 20 maggio 2019

Giornale radio a cura di http://www.giornaleradiosociale.it/
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ECONOMIA – Se questa è dignità. Nella Piana di Gioia Tauro si aggravano le già pessime condizioni di vita dei braccianti stranieri. La denuncia nel nuovo rapporto di Medici per i dritti umani. Ascoltiamo la responsabile dei progetti nazionali di Medu, Mariarita Peca. 

SOCIETA’ – Porte aperte. Le chiese protestanti pronte ad accogliere i migranti. In una nota congiunta sottolineano di mettere a disposizione le loro strutture in Italia e le relazioni con le chiese sorelle d’Europa per approntare un piano di ricollocazione nel vecchio continente di una quota delle persone soccorse dalla Sea Watch.

DIRITTI – Nessuno escluso. Sono già quasi 2000 le firme raccolte sotto il “Manifesto per i diritti alla crescita” lanciato dal Tavolo Un Welfare per i minori. Iniziativa promossa da una rete di 25 enti, tra associazioni e coordinamenti, che sintetizza in quattro punti le richieste indirizzate alla Regione Veneto per la tutela di bambini e ragazzi.

INTERNAZIONALE – Arcobaleno a Taiwan. La legalizzazione dei matrimoni omosessuali apre una nuova era per i diritti civili in Asia. Il servizio di Fabio Piccolino.

SPORT – Un gol contro le bombe. Nell’ultimo weekend calcistico, la Serie A è scesa in campo al fianco di Save the Children, per sostenere “Stop alla guerra sui bambini”, la nuova campagna globale per dire basta alle sofferenze che i minori sono costretti a subire nelle aree di conflitto, dove vivono. Tanti gli allenatori hanno aderito all’iniziativa che si concluderà oggi.

CULTURA – Processo a Pinocchio. Appuntamento questo pomeriggio, alle 15:30, nell’Aula di Montecitorio, per lo spettacolo teatrale di Emilia Narciso sul romanzo di Collodi. Il progetto è promosso da Unicef Italia ed ispirato alla Convenzione Onu sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

20 Maggio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»