Tennis, Elina Svitolina vince gli Internazionali d’Italia

Ucraina si conferma regina a Roma: 6-0, 6-4 a Romena Halep
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Elina Svitolina si conferma la regina di Roma. L’ucraina trionfa per la seconda volta consecutiva agli Internazionali d’Italia di tennis battendo 6-0, 6-4 la romena Simona Halep, numero uno del mondo, sul campo Centrale del Foro Italico. A incidere sulla finale, replica dell’edizione del 2017 del torneo, le non buone condizioni fisiche di Halep, costretta durante il secondo set a ricorrere all’intervento del medico. Un’ora e sette minuti la durata della finale.

 FIT CONTRO SITI METEO: “-3% VENDITA BIGLIETTI”

“Le previsioni dei siti che si occupano del meteo sono state molto peggiori rispetto a quello che è poi effettivamente avvenuto durante i giorni del torneo: questo ha impedito che la biglietteria battesse il dodicesimo record consecutivo della vendita dei biglietti. Registriamo quindi un 3% di flessione rispetto al 2017, comunque un dato marginale”. A dirlo è il presidente della Federtennis, Angelo Binaghi, nel corso della conferenza stampa di chiusura degli Internazionali d’Italia di tennis. “Se quelle previsioni avessero riguardato il sabato e la domenica non ci avrebbero creato un danno, ma se sono nefaste per il martedì o mercoledì sono devastanti: chi si prende il coraggio di venire ad acquistare un biglietto sapendo che pioverà tutto il giorno? Chi lo fa è un eroe”.

Secondo Binaghi “non riusciremo a superare i 12 milioni di euro di incasso che costituiscono il record dell’anno scorso- aggiunge- e dovremmo arrivare a 11,6 milioni di incasso compresa la giornata di oggi. Credo che possiamo essere soddisfatti e avere un incasso più che doppio rispetto alla partita record del nostro campionato di calcio di serie A”. Per quanto riguarda il valore della produzione, “fattureremo una cifra oltre i 32 milioni di euro, di cui circa 10 resteranno alla Federtennis e alla Coni Servizi: questo ci consentirà di migliorare quello che io chiamo il ranking del Coni, ovvero la nostra posizione come federazione all’interno del mondo sportivo italiano”.

BINAGHI: “PORTEREMO INTERNAZIONALI A PIAZZA DEL POPOLO”

“Secondo me alla base di tutto c’è stato un fraintendimento, forse siamo stati poco chiari noi e le sovrintendenze magari avranno pensato che avremmo portato lì il tennis per tre settimane. A parte questo, ritengo che sia una grande opportunità per noi, per il tennis e per tutta Roma. Riaffronteremo la questione e qualcuno se ne farà una ragione: io sono testardo e dico che il tennis andrà a Piazza del Popolo grazie all’aiuto del Comune“. Lo ha detto il presidente della Federtennis, Angelo Binaghi, a proposito della mancata concessione di piazza del Popolo per ospitare le prequalificazioni degli Internazionali, con i permessi negati dalle Sovrintendenze.  “I rapporti con il Comune di Roma sono straordinari, non sono mai stati così. Noi in 15 anni non abbiamo mai visto gli amministratori cittadini, cosa che invece succede da 2-3 anni: si possono magari criticare le loro scelte ma per noi questi amministratori rappresentano un punto di riferimento”, aggiunge Binaghi.

CONI: “DA 2019 NEXT GEN ARENA PIU’ GRANDE”

“La Next Gen Arena dal prossimo anno sarà rinnovata: sarà sempre una struttura temporanea ma con 1.500 posti in più e avrà una collocazione più duratura all’interno del Foro Italico, permettendo altre destinazioni d’uso durante l’estate e non solo durante i giorni degli Internazionali di tennis, sempre tenendo conto dei numerosi vincoli architettonici e paesaggistici dell’area del Foro Italico”. Lo ha detto il segretario generale del Coni, Carlo Mornati, intervenendo alla conferenza stampa di chiusura degli Internazionali d’Italia di tennis.

Leggi anche

Flavia Pennetta: “Adesso sono mamma full-time, tennista solo al 10%”

 

Ti potrebbe interessare:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»