‘La rete di san Francesco di Paola’ per il rilancio turistico della Calabria

la rete di francesco
Il progetto, presentato oggi in Senato da Silvia Vono (Iv) e Riccardo Nencini (Psi), è stato inserito tra gli interventi finanziabili da parte del ministero delle Infrastrutture per quasi 17 milioni di euro
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Paesaggi, parchi naturali e archeologici, siti balneari, stazioni sciistiche, contenitori culturali, musei ed il Codex Purpureus Rossanensis, antico manoscritto custodito nell’omonimo museo, che nell’ottobre del 2015 è stato riconosciuto patrimonio dell’umanità ed inserito dall’Unesco tra i 47 nuovi documenti del Registro della memoria mondiale. Questi gli obiettivi da valorizzare con il progetto ‘La rete di san Francesco di Paola’, il patrono della Calabria, un itinerario storico-culturale che coinvolge, oltre al comune di Paola, quelli di Corigliano-Rossano, Paterno calabro e Spezzano della Sila. Tutte città legate alla figura di san Francesco di Paola.

Il progetto, presentato oggi in Senato da Silvia Vono (Iv) e Riccardo Nencini (Psi), è stato inserito tra gli interventi finanziabili da parte del ministero delle Infrastrutture per quasi 17 milioni di euro. Lo scopo è migliorare l’accessibilità turistica di un’ampia porzione della Calabria che vede dal lato tirrenico Paola, dal lato ionico Corigliano-Rossano e, nell’entroterra, Spezzano della Sila e Paterno Calabro. Per Vono si tratta di “un progetto importante che fa entrare la Calabria in una nuova visione, non solo culturale, ma anche delle infrastrutture e della mobilità sostenibile. È un progetto che rientra nell’ambito del Pon inclusione e che speriamo di vedere realizzato perché rientra nella macroprogettualità. Non è solo un percorso della fede ma offre la possibilità di un collegamento tra lo Ionio e il Terreno e nuove infrastrutture, non solo materiali ma soprattutto digitali e di innovazione tecnologica. È un’occasione storica per rilanciare e recuperare i borghi storici, soprattutto del Sud, ma anche per puntare su uno sviluppo orientato su aree di macroprogettualità a livello nazionale ed europeo”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»