Nell’anniversario della Liberazione Comune del modenese revoca la cittadinanza onoraria a Mussolini

mussolini_fascismo
La giunta di San Cesario sul Panaro ha deciso di revocare l'onorificenza che fu conferita al Duce il 22 maggio del 1924
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MODENA – Il Comune di San Cesario sul Panaro, nel modenese, in vista del 25 aprile segnala di voler dire no al fascismo “anche con atti concreti”: giovedì 22 aprile, nell’anniversario della Liberazione di San Cesario, alle 21 il Consiglio comunale in diretta Facebook si esprimerà infatti sulla revoca della cittadinanza a Benito Mussolini. Alle 20, sempre in diretta Facebook, si terrà poi un momento di approfondimento sulle ragioni della cittadinanza conferita all’epoca a Mussolini e sul perché l’amministrazione comunale del sindaco Francesco Zuffi, di centrosinistra, voglia revocarla, insieme con Istituto Storico di Modena, Anpi e Carpi Comix.

Comune San Cesario sul Panaro cittadinanza mussolini

Il Consiglio comunale di San Cesario conferì il 22 maggio 1924 la cittadinanza onoraria a Mussolini, da due anni a capo del Governo fascista. Nel giorno dell’anniversario della liberazione di San Cesario, così, il Consiglio comunale voterà il punto “revoca”, già all’ordine del giorno.

LEGGI ANCHE: Modena, restituito dipinto del seicento trafugato 22 anni fa

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»