Allarme della Cisl Bologna: la crisi ha dimezzato gli stipendi di giovani e donne

CORONAVIRUS, FCA AVVIA LA PRODUZIONE IN SEVEL
Le lavoratrici accusano una paga inferiore rispetto alla media pro capite totale del 21,88%, che diventa del 39,91% rispetto alla media pro capite del totale maschile
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – La crisi sta dimezzando gli stipendi di giovani e donne, mentre restano al palo quelli dei lavoratori. Per invertire la tendenza, servono “un piano di investimenti adeguato a una robusta politica industriale, un sostegno alle filiere, una riforma del fisco, una formazione continua”. Lo segnala la Cisl dell’area metropolitana di Bologna, diffondendo un’indagine a tema insieme al suo Caf su un campione di 46.103 tra lavoratori e pensionati e di 25.078 lavoratori dipendenti. “Donne e giovani– tira le somme il segretario generale Cisl Enrico Bassani- sono le fasce che stanno pagando il prezzo più alto dalla crisi, come quanti (partite Iva, somministrati) avevano o hanno rapporti di lavoro non stabili e spesso di scarsa qualità retributiva. Uno scenario destinato a peggiorare drasticamente per effetto dell’emergenza pandemica scoppiata nel 2020 e tuttora in corso, le cui ripercussioni, sia in termini economici sia sociali, inevitabilmente si protrarranno a lungo”.

Le lavoratrici dipendenti a tempo determinato nel 2019 risultano 35.280 nella provincia di Bologna (pari al 22% delle donne lavoratrici dipendenti, contro il 18,3% degli uomini). Le donne assunte a tempo indeterminato sono 123.771, ovvero il 77% del totale delle donne dipendenti, contro l’81% degli uomini. A tutto questo si affianca il dato delle minori retribuzioni: le donne accusano una paga inferiore rispetto alla media pro capite totale del 21,88%, che diventa del 39,91% rispetto alla media pro capite del totale maschile. Ma, appunto, anche le ‘magre’ percentuali di lavoratori giovani dipendenti sono indicative: sul 2019, la fascia 25-29 anni pesa l’11,4% e la fascia 30-34 anni l’11,8%. Ma, in genere, non se la passano bene tutti i lavoratori dipendenti dell’area metropolitana: il loro reddito medio pro capite cresce di appena lo 1,97, dal 2019, rispetto al 2017.

LEGGI ANCHE: Bologna, “poche multe sui bus”: licenziati quattro controllori

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»