Zampa: “Il video di Beppe Grillo è l’esito della disperazione”

sandra zampa
"Penso ci sia un problema molto grande di spettacolarizzazione della giustizia", dice la responsabile salute del Partito Democratico
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Questo continuo andare a vedere se hanno parlato meno donne, abbastanza donne o più donne comincia davvero ad infastidirmi in modo profondo e lo trovo molto irrispettoso, prima di tutto nei confronti delle donne. Non trovo che ci sia una sola donna, non solo del Partito Democratico, che non si senta profondamente colpita da questo video. Penso che il filmato sia l’esito della disperazione, un gesto di un disperato che non ha il senso del proprio ruolo e dell’educatore, ossia di un padre che deve anche educare e deve sapere riconoscere. Non ha rispetto per questa ragazza, che per fortuna invece è difesa dalla sua famiglia, dagli avvocati e da tutto il resto di questo paese che credo non si riconosca nelle parole di Grillo, salvo chi è schierato per difenderlo quasi per contratto”. Così Sandra Zampa, responsabile salute del Partito Democratico, ospite di ‘Omnibus’, contenitore di La7.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Beppe Grillo: “Mio figlio non è uno stupratore: arrestate me”

“Penso ci sia un problema molto grande di spettacolarizzazione della giustizia – ha aggiunto Zampa -che il video non andasse fatto vedere o mostrato il meno possibile. Così come sarebbe bene che dai giornali cessassero le paginate in cui si raccontano storie come questa. Anche questo non è rispettoso, delle vittime e dei presunti colpevoli”.

Esprimo la mia più profonda solidarietà a questa ragazza. Mentre guardavo e ascoltavo ho pensato a come ci si debba sentire e credo che nel proprio cuore ogni donna italiana lo sappia. Tutte insieme esprimiamo a lei la più profonda solidarietà e vicinanza”, ha concluso l’esponente del Pd.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»