Superlega, i club ‘secessionisti’: “Noi in campo fra 5 mesi, calcio sport non redditizio”

superlega
Dura replica di Infantino: "Chi decide di appoggiare questo progetto, ne accetta gli effetti"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Siamo pronti a sederci attorno a un tavolo, chiediamo solo un dialogo. Il torneo potrebbe anche iniziare tra cinque mesi“. È quanto ha dichiarato il segretario generale della nuova Superlega europea, Anas Laghrari, a ‘Le Parisien’.

“Vogliamo creare il miglior calcio- ha continuato Laghrari- per rinnovare un movimento che è entrato in una spirale di mercato e denaro“.

Il segretario generale ha poi esposto il suo punto di vista sotto l’aspetto finanziario dell’operazione: “Le giovani generazioni sono meno interessate al calcio, si concentrano sul gaming e si collegano solo per i grandi match. Ma questi accadono raramente. Il calcio non è un’attività redditizia- spiega Laghrari- c’è frustrazione perché questo sistema è instabile e si basa sui risultati di un club in Champions League. Un manager elabora un piano triennale, ma questo può saltare a seconda dei suoi risultati”.

SUPERLEGA, INFANTINO: CHI NE FA PARTE PAGHI CONSEGUENZE

La Fifa è fortemente contraria alla creazione della Superlega, condanniamo la sua formazione. Chi vuole andare per la sua strada, deve pagare le conseguenze delle proprie scelte”. È quanto ha dichiarato il presidente della Fifa, Gianni Infantino, intervenuto al congresso della Uefa di Montreux.

Il presidente ha poi aggiunto che “la Fifa è un’organizzazione costruita sui valori dello sport, quelli veri” mentre “la Superlega è qualcosa di elitario, una sorta di fuga dalle istituzioni calcistiche attuali”. Infine la minaccia ai club membri: “Chi decide di appoggiare questo progetto, ne accetta gli effetti. Se sei dentro sei dentro, se sei fuori sei fuori. Non esistono vie di mezzo“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»