VIDEO | Regionali, Mastrovincenzo (Marche): “Voto ottobre scelta migliore”

Per il presidente delle Marche il Consiglio dei ministri ha fatto bene a far slittare le elezioni regionali a dopo l'estate: "Il 18 ottobre o il 25 ottobre mi sembrano le date migliori"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ANCONA – “Votare ad ottobre è la scelta secondo me più ragionevole. La data del 18 ottobre o del 25 ottobre mi sembrano personalmente le migliori“. Così il presidente del consiglio regionale delle Marche, Antonio Mastrovincenzo, commenta alla Dire la decisione assunta oggi dal Consiglio dei ministri, che prevede lo slittamento delle elezioni regionali tra settembre e novembre cancellando così di fatto la ‘finestra’ di luglio sulla quale diverse Regioni si erano espresse favorevolmente.

LEGGI ANCHE: Regionali, niente voto in estate

“La finestra scelta dal Consiglio dei ministri credo sia quella corretta- dice Mastrovincenzo-. Andare a votare in una delle due date che già circolavano (18 o 25 ottobre) permetterebbe di fare una campagna elettorale da metà settembre a metà ottobre e di lavorare sulle liste dei candidati consiglieri e sulla scelta dei candidati presidente a partire da metà agosto fino a metà settembre. Un periodo consono sperando ovviamente che l’emergenza Coronavirus sia passata e che non ci sia un rigurgito”. 

L’auspicio del presidente dell’Assemblea legislativa marchigiana coincide con quello espresso tra gli altri dal ministro per i Rapporti con il Parlamento Federico D’Incà: un election day per tutto il paese. “È evidente che la data deve essere condivisa e mi auguro che ci possa essere un’intesa su un election day che possa mettere d’accordo tutti anche per ottenere un risparmio economico non indifferente- conclude Mastrovincenzo-. Nelle Marche votano centri importanti, come Macerata e Senigallia ma anche altri Comuni importanti e quindi pensare ad un election day sarebbe importante. L’auspicio è che ci sia una data di voto unica anche per le altre Regioni e credo che ne parleremo già giovedì quando si riunirà la Conferenza dei presidenti dei consigli regionali. La scelta spetta ai singoli presidenti di giunta ma se come consigli regionali trovassimo un’intesa tra di noi sarebbe già un importante viatico per scelte condivise”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

20 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»