Egitto, il caso di Patrick Zaki: “Governo egiziano blocca i contatti con la scusa del virus”

Mentre i genitori di Patrick chiedono di poter almeno "sentire la sua voce", per assicurarsi che loro figlio stia bene, anche il rettore dell'universita' di Bologna, Francesco Ubertini, continua a chiedere la liberazione di Patrick
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BOLOGNA – “Il governo sta usando la scusa delle misure anti-Covid per isolare i detenuti e interrompere i contatti con le famiglie e gli avvocati: non sono permesse le chiamate, e spesso anche le lettere vengono bloccate in entrata o in uscita, specialmente per i prigionieri politici. Per non parlare del fatto che le udienze sono continuamente sospese e rimandate a data da destinarsi”. Amr Abdelwahab, attivista egiziano che vive a Berlino, e’ l’amico di Patrick George Zaki in prima fila tra coloro che in tutta Europa ne stanno chiedendo la liberazione.

Dal 9 marzo non si hanno piu’ notizie di Patrick: ne’ i suoi genitori ne’ il suo avvocato l’hanno piu’ potuto incontrare, per via delle restrizioni dovute all’emergenza coronavirus. Le ultime cinque udienze che avrebbero potuto portare alla sua scarcerazione sono state rinviate.

“È una situazione totalmente illegale, mascherata sotto la facciata delle misure per il coronavirus– afferma Abdelwahab-. Trovandosi in detenzione preventiva, Patrick e’ rimasto incastrato in uno strano limbo fatto di continui rinvii della sua udienza, venendo cosi’ privato di un diritto fondamentale: quello della difesa in un giusto processo”.

Anche in un momento come questo, la repressione in Egitto sembra quindi non fermarsi: nelle ultime settimane sono avvenuti diversi arresti di persone che criticavano le azioni messe a punto dal governo per contenere i contagi.

Le prigioni egiziane sono tra i luoghi piu’ pericolosi durante la pandemia: il problema del sovraffollamento si somma da sempre alla bassa qualita’ dell’assistenza sanitaria- spiega Abdelwahab-. Il governo non sta prendendo nessun provvedimento serio per garantire condizioni sicure nelle carceri l’unica risposta e’ stata quella di chiudere dentro i prigionieri, assumendo che cosi’ il virus non sarebbe potuto entrare”.

“Addirittura, quando le famiglie provano a portare materiale sanitario ai detenuti, come il disinfettante per le mani, non sempre glielo consegnano”.

Eppure gli agenti penitenziari entrano ed escono ogni giorno: se anche solo uno di loro avesse contratto il virus, il rischio di contagio in spazi stretti e sovraffollati sarebbe altissimo.

“Ogni essere umano sano di mente capirebbe che, in tempi come questi, non e’ il momento di mettere a rischio l’intera nazione tenendo chiuse decine di migliaia di detenuti in spazi malsani, specialmente quando si tratta di persone in custodia cautelare, che quindi non sono ancora state giudicate colpevoli”.

E mentre i genitori di Patrick chiedono di poter almeno “sentire la sua voce”, per assicurarsi che loro figlio stia bene, anche il rettore dell’universita’ di Bologna, Francesco Ubertini, continua a chiedere la liberazione di Patrick: “Sono gia’ 74 i giorni di reclusione che Patrick ha dovuto sopportare nel carcere egiziano di Tora, tra i detenuti politici- scrive Ubertini-. Attendo con fiducia l’esito della nuova udienza fissata per martedi’ 21 aprile: mi auguro davvero che questa volta non ci siano ulteriori rinvii. La nostra universita’ si e’ mobilitata sin dall’inizio della detenzione del nostro studente, nel febbraio scorso. Oggi come allora resta ferma la nostra richiesta: chiediamo per Patrick, membro della nostra comunita’, il rispetto dei diritti fondamentali, dei diritti politici, la tutela della liberta’ d’espressione e soprattutto il diritto alla liberta’ individuale”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

20 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»