Coronavirus, avvocato Missiaggia:”Un dovere aiutare le donne maltrattate”

L'appello dell'avvocata esperta di diritto di famiglia: "Evitate il panico e credete nelle istituzioni"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Uscite come se andaste a fare la spesa, chiamate il 1522 o andate in farmacia – dove si può segnalare – e denunciate. Evitate il panico e credete nelle istituzioni che, soprattutto in questo momento, ci sono, così come c’è un grande dispiegamento di forze dell’ordine”. E’ l’appello dell’avvocata Maria Luisa Missiaggia, esperta di diritto di famiglia, intervistata da DireDonne sul drastico cale delle denunce al 1522 e anche sul video, circolato sul web, della brutale aggressione a Bari di un uomo contro la sua giovane convivente.

“Mi sono agghiacciata nel vederlo- ha detto- l’orrore è certamente quell’uomo violento, ma ancora di più che lei dica di non volerlo denunciare. In quel caso c’è una vessazione psicologica evidente“, ha sottolineato. La quale poi ha invitato “associazioni, forze dell’ordine e psicologi a fare rete con i tecnici, gli avvocati, affinchè queste persone, che da sole non ce la fanno, possano trovare una tutela quasi ‘de plano’. Mi rendo conto- ha ammesso Missiaggia- che questo va contro le regole dell’auto-aiuto, però devono essere avvicinate per approfondire questo dolore, questa ferita che quella ragazza del video ha dentro di sè ed è presupposto per farsi trattare in quel modo. E’ un nostro dovere aiutarle“.

Qualche giorno prima dell’intervista, Missiaggia ha raccontato di essere stata testimone anche di “un’aggressione ai danni di un uomo da parte della fidanzata, che era in stato di alterazione”, anche se “sappiamo- ha ribadito- che nella stragrande maggioranza dei casi accade il contrario”. L’avvocata ha chiamato il 112, e “i carabinieri voglio dirlo- ha sottolineato- sono intervenuti prontamente, con tre volanti. Erano una decina di persone in divisa, con guanti e mascherine”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

20 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»