Cultura, Serracchiani: “Premio Terzani momento di riflessione”

TRIESTE - "Il Premio Terzani rappresenta un momento di riflessione e
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

TERZANITRIESTE – “Il Premio Terzani rappresenta un momento di riflessione e di consapevolezza della responsabilità che abbiamo nel ricercare traguardi sempre più importanti“. Lo ha dichiarato la presidente della Regione Debora Serracchiani nella conferenza stampa di proclamazione del vincitore del Premio letterario internazionale Tiziano Terzani, svoltasi oggi nella sede della Regione Friuli Venezia Giulia a Roma.
Il Premio è stato assegnato a “La fame”, reportage del giornalista e scrittore argentino Martmn Caparrss, edito in Italia da Einaudi. “La vulnerabilità, tema del premio per l’edizione di quest’anno, ci porta a pensare a ciò che accade quotidianamente ai nostri confini, nei nostri mari e a popoli poco distanti da noi” ha proseguito Serracchiani. “Sono certa che anche quest’anno il dibattito aperto dal Premio Terzani non rimarr` inascoltato e contribuir` alla ricerca delle soluzioni”.
“Per questo la Regione continuerà a supportare il Premio e l’Associazione vicino/lontano di Udine che lo ha istituito” ha concluso la presidente. “A loro va il nostro ringraziamento per l’impegno profuso ogni anno nell’organizzazione di questa iniziativa e del Festival vicino/lontano per la qualità e la capacità di portare alla ribalta tematiche di grande attualità”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»