Pili: Revocare subito convenzione con Cin Tirrenia

BOLOGNA - "La convenzione con la Cin Tirrenia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

tirrenia_traghetti

BOLOGNA – “La convenzione con la Cin Tirrenia va revocata immediatamente in sede di autotutela. Lo Stato sta regalando soldi indebitamente alla compagnia di navigazione che non solo viola il contratto stesso, ma continua ad incassare 72 milioni di euro senza tener in minimo conto l’abbattimento dei costi del carburante e lasciando invariate le tariffe”. Così il deputato di Unidos Mauro Pili che ha presentato un’interrogazione urgente al ministro dei Trasporti Graziano Delrio per chiedere la revoca immediata della convenzione dello Stato con società di navigazione.

“Tenendo conto dell’abbattimento dei costi del carburante e il mancato adeguamento sia delle compensazioni che delle stesse tariffe, si configura un danno erariale senza precedenti, con gravi responsabilità per coloro che stanno liquidando le risorse alla Cin Tirrenia- attacca Pili-. Una distorsione del mercato che la Tirrenia sta perseguendo con una condotta che si avvale della sua posizione dominante ai danni dell’economia della Sardegna. Tutto questo con la connivenza del ministero delle Infrastrutture e trasporti”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»