NEWS:

VIDEO | La drag queen Luquisha Lubamba: “Insultata a Cosmoprof, è ora che la società cambi”

L'appello della famosa drag queen Luquisha Lubamba per una società che deve cambiare: "Io sono tranquilla, non mi faccio problemi, ma queste persone lo faranno anche con altri. Tutti ci devono riflettere"

Pubblicato:20-03-2023 16:02
Ultimo aggiornamento:20-03-2023 16:11

FacebookLinkedIn

BOLOGNA – “Le ragazzine mi guardavano e scoppiavano a ridere, i ‘soliti’ padri di famiglia mi hanno fatto battute del tipo ‘Uè, hai dimenticato il rasoio‘”: la famosa drag queen Luiquisha Lubamba racconta gli insulti ricevuti ieri al Cosmoprof in una storia pubblicata su Instagram. Quanto è accaduto, dice, da un lato è positivo. Perchè serve da spunto di riflessione per tutti. Da, un lato, però, indica l’urgenza che ci sia un cambiamento su questo nella società. “Sono contenta- dice la drag queen in chiusura di video- che una giornata frivola come quella che doveva essere quella al Cosmoprof si sia trasformata in una riflessione sulla società di adesso. Sono contenta perchè voglio che tutti ci riflettano, ovviamente non sono contenta che queste cose ancora succedano e bisogna trovare una soluzione”. La storia su Instagram è accompagnata dall’hashtag #catcalling, proprio per stigmatizzare le brutte parole ricevute, da considerarsi parte del fenomeno delle molestie sessuali ricevute da estranei.

“IO SONO TRANQUILLA, MA QUESTE PERSONE LO FARANNO ANCHE CON ALTRI”

La drag queen, che sui social è seguitissima, comincia il suo racconto mentre sta uscendo da Cosmoprof: era truccatissima e vestita di rosa, con una vistosa parrucca bionda. Non ci sono stati solo gli insulti, racconta, ma purtroppo le frasi spiacevoli che ricevuto sono state tante. Racconta: “A parte tutte le persone che sono venute a salutarmi e chiedermi foto, anche senza sapere chi fossi, facendomi i complimenti e dicendomi ‘sei bellissima‘, ci sono state davvero tante persone” che invece hanno detto cattiverie. “Ad esempio c’erano ragazzine che mi guardavano e scoppiavano a ridere, mi ridevano in faccia. I soliti padre di famiglia che dicevano ‘Uè ti sei scordata il rasoio‘ e queste battute qua di merda, gente che mi diceva cose mentre mi passava a fianco”. E poi aggiunge: “A me non interessa, io sono tranquilla con me stessa e tutto, il problema è che questa gente lo fa anche con tutti gli altri“.

“LA SOCIETÀ DEVE CAMBIARE”

Luiquisha Lubamba racconta anche un altro piccolo episodio, che è accduto mentre stava andando a casa, dove un uomo dalla strada che la aveva vista da ieri, le ha fatto un fischio apostrofandola in modo maleducato ‘a fregna’. “Io mi sono girato e quando ha visto la barba è rimasto pietrificato“. Infine, la conclusione e lo spunto di riflessione: “Voglio che tutti ci riflettano, ovviamente non sono contenta che queste cose ancora succedano e bisogna trovare una soluzione“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it


FacebookLinkedIn