Covid, Figliuolo e Curcio vaccinati con AstraZeneca alla Cecchignola

figliuolo curcio
Numerosi i militari in fila per ricevere la dose di vaccino. Il Generale: "Ora puntiamo a 500mila vaccinazioni al giorno"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Sono entrati alle 10.30 nella grande struttura verde del presidio vaccinale della Cecchignola, nato con altri nel solco del progetto Eos della Difesa, il Commissario straordinario per l’emergenza Covid19, Generale Francesco Paolo Figliuolo e l’ingegnere Fabrizio Curcio, Capo della Protezione Civile, per ricevere la vaccinazione Astrazeneca. Dopo la somministrazione, avvenuta intorno alle 11, sono rimasti in osservazione per i 15 minuti previsti. Numerosi i militari in fila per la vaccinazione.

FIGLIUOLO: “FORTE ACCELERAZIONE, 500MILA VACCINI DALLA TERZA SETTIMANA APRILE

“L’ obiettivo è 500 mila vaccini al giorno dalla terza settimana di aprile e, per fine settembre, l’80% della popolazione che deve essere vaccinata”, ha detto il Commissario straordinario per l’emergenza Covid19, il Generale Francesco Figliuolo, nel punto stampa allestito alla Cecchignola dopo aver ricevuto il vaccino Astrazeneca ribadendo “la forte accelerazione” impressa al piano vaccinale che “sta procedendo così come l’avevo illustrato la settimana scorsa” ha detto il Generale. “Abbiamo avuto una battuta d’arresto- ha sottolineato- che già da ieri stiamo recuperando. A ieri sera avevamo oltre 150mila vaccinazioni e con gli inserimenti di fine serata supereremo questa soglia. Per fine mese ci aspettiamo circa 7 milioni e mezzo di vaccini a fronte dei 6 milioni e mezzo circa di gennaio e febbraio. I centri vaccinali- ha puntualizzato- erano 1.500 e siamo a più di 1.850 e aumenteranno ancora e stiamo verificando dei siti le capacità logistiche e informative”. “Johnson& Johnson lo avremo- ha detto rispondendo a una domanda- da dopo metà aprile. Le quantità aumenteranno a maggio e giugno. Ci sono regioni che hanno avuto problemi organizzativi che stanno risolvendo. Ci stiamo mettendo d accordo con i presidenti regionali”. Quanto alle rinunce Astrazeneca ha chiarito: “Un meno 20% da qualche regione, altre il 10 e alcune come il Lazio nessuna, con un differenziale intorno allo zero” ha concluso.

CURCIO: “FATTO IL SECONDO COMITATO NAZIONALE E PRONTI I VOLONTARI

“Bisogna fare il vaccino, proteggiamo noi e soprattutto gli altri” ha detto Fabrizio Curcio, Capo della Protezione civile che insieme al Generale Figliuolo si è vaccinato con Astrazeneca intervenendo al punto stampa allestito alla Cecchignola. “Abbiamo una relazione quotidiana con Palazzo Chigi, non ci sono desiderata ai quali non si da seguito e non ne avrei al momento” ha chiarito, parlando di un dialogo costante e sereno con le Istituzioni. “Abbiamo attivato in maniera ancora piu’ forte il coordinamento nazionale di Protezione civile e fatto il secondo Comitato nazionale di Protezione civile e si e’ proceduto con il punto per limare i disequilibri regionali”. Sui volontari ha specificato:” E’ uno strumento in mano alle organizzazioni regionali con copertura del Dipartimento nazionale che ho attivato. Abbiamo 300 mila volontari e saranno impiegati quelli che le Regioni richiederanno a supporto delle strutture vaccinali” ha concluso.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»