Coronavirus, in Emilia-Romagna altri 109 morti. Contagi verso i 6.000

I casi di coronavirus arrivano a 5.968 Romagna. Il totale dei decessi in regione dall'inizio dell'epidemia è 640
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Sono 109 i morti di oggi in Emilia-Romagna: in tutto il numero dei decessi di pazienti col coronavirus sale a 640 in regione. Il dato è stato comunicato dal commissario Sergio Venturi durante la diretta Facebook. “Ma due province, Parma e Reggio Emilia- precisa- hanno comunicato solo oggi una trentina di casi dei giorni scorsi per cui si aspettavano i temponi, quindi siamo su livelli di ieri”, quando i morti erano stati una settantina.

Sono saliti a 5.968 i casi di coronavirus in Emilia-Romagna, +754 rispetto a ieri. 

LEGGI ANCHE: Coronavirus, in Emilia-Romagna i sindaci mettono tetto a spesa: 2 volte alla settimana

39 MORTI A PARMA, 27 A PIACENZA, 19 A REGGIO EMILIA

I 109 decessi con coronavirus di oggi in Emilia-Romagna (36 donne e 73 uomini) riguardano 27 residenti nella provincia di Piacenza, 39 in quella di Parma, 19 in quella di Reggio Emilia, 11 in quella di Modena, otto in quella di Bologna (di cui due del territorio imolese), tre a Forlì, uno a Rimini e uno a Ferrara. Per quanto riguarda i nuovi casi di positività (754 in tutto), a Piacenza sono state 147 nelle ultime ore, a Parma 110, a Rimini 66, a Modena 104, a Reggio Emilia 165, a Bologna 87 in più (di cui 20 a Imola), a Ravenna 28, a Forlì e Cesena rispettivamente sei e 17 e a Ferrara 24.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»