Coronavirus, in Emilia-Romagna i sindaci mettono tetto a spesa: 2 volte alla settimana

Il sindaco di Castenaso (Bologna) limita le 'capatine' all'alimentari. E l'uscita col cane è entro 300 metri da casa (250 a Molinella)
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BOLOGNA – Dopo aver chiuso parchi, orti, cimiteri, aree per cani, ciclabili, nonché transennato giochi e panchine, ora nel bolognese i sindaci mettono nel mirino le troppe uscire per andare al supermercato. Se già ieri il primo cittadino di Granarolo, Alessandro Ricci, si scagliava contro chi compra il pane e il latte freschi tutti i giorni (“si vive lo stesso”), il Comune di Castenaso ha emanato un’ordinanza che va a limitare il numero di capatine all’alimentari.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, un ventilatore polmonare per più pazienti: il prototipo al Sant’Orsola di Bologna

SPESA NON PIU’ DI DUE VOLTE ALLA SETTIMANA

Nell’ordinanza firmata ieri dal sindaco Carlo Gubellini si sancisce infatti l’obbligo per i cittadini “di limitare ad un solo membro per nucleo familiare, e per non più di due volte alla settimana, l’uscita dalla propria abitazione per recarsi ad acquistare generi alimentari e gli altri generi consentiti”. Inoltre, recita un altro articolo del provvedimento, “ai soggetti di età superiore a 70 anni è fortemente raccomandato di rimanere presso il proprio domicilio e di evitare ogni tipo di uscita”.

DISTANZA DI UN METRO NEI CORTILI CONDOMINIALI

In materia di divieti Castenaso si spinge anche all’interno dei condomini. Infatti, altro articolo, le “aree esterne di pertinenza condominiale potranno essere utilizzate esclusivamente nel rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro, con divieto di utilizzo da parte di chiunque degli eventuali giochi presenti in dette aree”.

GIRO COL CANE ENTRO 300 METRI DA CASA

Infine anche il municipio dell’hinterland bolognese si è lanciato a dare una propria interpretazione del concetto di “prossimità alla propria abitazione” per le passeggiate, alla luce dell’ultima ordinanza della Regione contro le attività sportive e le uscite col cane. “Considerato che occorre contrastare le situazioni di aggregazione o comunque le situazioni che agevolano i contatti tra persone- si legge ancora nell’ordinanza- si prescrive che l’attività motoria (passeggiata per ragioni di salute) o l’uscita con l’animale di compagnia per le sue esigenze fisiologiche, possa svolgersi esclusivamente nel raggio di 300 metri dalla propria abitazione (domicilio o residenza)”. Un raggio d’azione più generoso di quello concesso ad esempio a Molinella, che ieri ha quantificato la “prossimità” in 250 metri.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

20 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»