VIDEO | Coronavirus, Luca Parmitano: “Restate a casa, è un lavoro di squadra come per noi astronauti”

"Per poter godere domani della bellezza, dobbiamo oggi chiudere la porta all'espansione del Coronavirus"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Io resto a casa”: l’astronauta italiano Luca Parmitano, comandante della missione Beyond, tornato sulla Terra dalla Stazione spaziale internazionale (Iss) lo scorso 6 febbraio, ha registrato un videomessaggio promosso dalla Presidenza del Consiglio e dal Sottosegretario Riccardo Fraccaro per invitare la popolazione a seguire le indicazioni delle autorità per contenere il contagio da Coronavirus.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, l’astronauta Parmitano: “Non credete alle fake news”

“Prima di partire per la Iss gli astronauti si sottopongono a un periodo di quarantena per evitare effetti gravi, visto che l’equipaggio già presente a bordo può avere un sistema immunitario leggermente depresso- racconta Parmitano-. Allo stesso modo in questo momento è indispensabile anche per tutti quelli che sono sani, in forma, evitare qualsiasi tipo di contatto per non contagiare coloro che possono avere un sistema immunitario depresso”.

Parmitano ricorda poi che la gran parte degli esperimenti sulla Stazione sono dedicati alla scienza, per permettere miglioramenti del sistema sanitario. “Lavoriamo come un team, come una squadra, insieme agli esperti da Terra. Allo stesso modo adesso è indispensabile lavorare tutti insieme, ascoltare le indicazioni degli esperti per evitare il contagio.Uno dei nostri privilegi, sulla Iss, è di poter osservare da lontano il nostro pianeta, fragile e bellissimo. Per poter godere domani della bellezza, dobbiamo oggi chiudere la porta all’espansione del Coronavirus. Per poterlo fare, dobbiamo farlo insieme, dobbiamo fare una scelta. Scegliamo di fare la cosa giusta. Scegliamo di stare in casa, scegliamo di restare uniti. Io resto a casa“, conclude Parmitano.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

20 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»