‘Diario di casa’, dal 20 marzo in tv il programma che spiega il Coronavirus ai bambini

Su Rai1 alle ore 14, su Rai Yoyo alle 16.10 e naturalmente su RaiPlay
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – E’ difficile spiegare ai bambini il difficile periodo che stiamo vivendo. Cosa rispondere quando chiedono perché non possono uscire di casa e andare a scuola? in soccorso dei genitori arriva ‘Diario di casa’, il programma televisivo che spiega il coronavirus ai bambini, come fosse un gioco “del perché”, in onda da oggi (venerdì 20 marzo) su Rai1 alle ore 14, su Rai Yoyo alle 16.10 e naturalmente su RaiPlay. A condurla i due popolari conduttori di programmi Rai per ragazzi Armando Traverso e Carolina Benvenga, che si rivolgeranno ai più piccoli per aiutarli a capire cosa sta succedendo. Bambini e ragazzi trascorrono tutto il tempo a casa, con il rischio di ricevere informazioni non calibrate rispetto all’età. Per questo “Diario di casa” avrà come ospiti pediatri, psicologi, educatori che, con un linguaggio adeguato ai più giovani, potrà rispondere ai dubbi e agli interrogativi, che i bambini potranno inviare al programma tramite i social di Rai Yoyo e Rai Gulp.

Diario di Casa, una produzione Rai Ragazzi, andrà in onda da lunedì a venerdì su Rai1 alle 14:00, all’inizio di “La Vita in Diretta” e alle 16:10 su Rai Yoyo. Ogni puntata durerà 8 minuti.Alla prima puntata parteciperà il pediatra Alberto Villani, un video della giovane calciatrice Ilaria Valli (16 anni), che mostrerà ai ragazzi un piccolo esercizio sportivo da fare a casa per tenersi in forma, e i 5 consigli della Pimpa per i più piccoli. Diario di Casa è un programma della direzione Rai Ragazzi, scritto da Armando Traverso con Martina Forti, e diretto da Marco Lorenzo Maiello.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

20 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»