Coronavirus, “Ero andato a comprare l’hashish”: doppia denuncia

È successo ieri sera a Carpi, nell’ambito dei controlli per limitare la diffusione del contagio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Quando è stato fermato, ha detto ai Carabinieri di essersi messo alla guida per “andare a comprare dell’hashish“. È successo ieri sera a Carpi, nell’ambito dei controlli per limitare la diffusione del contagio. Il protagonista è un uomo di mezza età del posto. I militari, dopo che gli hanno chiesto di fornire una giustificazione plausibile per lo spostamento, lo hanno perquisito recuperando una ventina di grammi di sostanza. L’uomo è stato denunciato sia per il possesso dello stupefacente sia per non aver osservato il divieto di mobilità sancito dal decreto della presidenza del Consiglio dei ministri.

Ieri ci sono stati diversi controlli dei Carabinieri anche nell’area di Pavullo, con il sostegno del personale del quinto reggimento Emilia-Romagna. Al servizio coordinato hanno partecipato le stazioni di Montefiorino, Fanano e Pavullo, oltre alla squadra radiomobile. Sono state denunciate in Procura altre 12 persone, tutte in violazione del Dpcm Una di queste, un 78enne già noto alle forze di polizia, è stato denunciato anche per resistenza a pubblico ufficiale, avendo minacciato i Carabinieri per tentare di evitare la sanzione. Altre quattro violazioni penali dello stesso tipo sono state registrate sempre ieri a Montese, Pavullo e C

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»