VIDEO | La Nazionale italiana ‘Crazy for football’ aderisce alla campagna #iorestoacasa

ROMA – Anche la Nazionale italiana di calcio a 5 ‘Crazy for Footballaderisce all’iniziativa ‘Io resto a casa’, nata a seguito del decreto annunciato lo scorso 9 marzo dal presidente del consiglio, Giuseppe Conte, con cui il premier ha esteso le restrizioni della zona rossa a tutta Italia, chiedendo sostanzialmente agli italiani di non uscire di casa, se non per lo stretto necessario, per non diffondere il contagio da Coronavirus. A rispondere all’appello, accolto da decine di personaggi del mondo della politica, dello spettacolo e dello sport, arrivano ora anche i ragazzi della Nazionale composta da persone con problemi di salute mentale, che sui social hanno postato un video in cui si vedono palleggiare, rigorosamente da soli e nelle proprie case, con rotoli di carta igienica. 

La storia della Nazionale Italiana ‘Crazy for Football‘ nasce nel 2004, quando il film ‘Matti per il calcio’ viene autoprodotto e realizzato da Francesco Trento e Volfango De Biasi, con la collaborazione del professor Santo Rullo. Nel film viene narrata l’esperienza della squadra di calcio a 5 del ‘Gabbiano”, composta interamente da pazienti psichiatrici che, allenandosi insieme, superano in parte le loro paure, sentendosi integrati tra loro e stando anche meglio come singoli. Da quest’idea e da questo documentario si sviluppera’ il movimento. Nel 2015 alcuni psichiatri giapponesi vollero incontrare Santo Rullo e, affascinati dal progetto, tornarono in Giappone e decisero di organizzare per l’anno successivo un Campionato del Mondo di Calcio a 5 per persone con disabilita’ mentale, ad Osaka. La storia della Nazionale Italiana venne poi raccontata nel successivo film ‘Crazy For Football‘, sempre di Francesco Trento e Volfango De Biasi, vincitore del David di Donatello nel 2017. Dal film e’ stato infine pubblicato l’omonimo libro, edito da Longanesi.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Guarda anche:

20 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»