Covid, Anelli (Fnomceo): “2,5 milioni di guariti grazie a operatori sanità”

L'intervento del Presidente del Fnomceo, Filippo Anelli, in occasione della Giornata Nazionale del personale sanitario, sociosanitario, socioassistenziale e del volontariato.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Sono circa 2 milioni e mezzo le persone che sono guarite dal Covid grazie anche al fondamentale contributo di tutti gli operatori della sanita’ in una pandemia che ha fatto fermare il mondo e che continua a mietere vittime sia tra la popolazione che tra i medici. Per noi medici ogni vita conta”. Questo uno dei passaggi piu’ importanti dell’intervento del Presidente del Fnomceo, Filippo Anelli, in occasione della Giornata Nazionale del personale sanitario, sociosanitario, socioassistenziale e del volontariato.

LEGGI ANCHE: Giornata del personale sociosanitario, Mattarella: “Riconoscenza per chi lotta in prima linea”

ECCO IL TESTO COMPLETO DEL DISCORSO DEL PRESIDENTE FNOMCEO FILIPPO ANELLI

“Un cordiale benvenuto porgo alla Presidente del Senato della Repubblica sen. Elisabetta Alberti Casellati, al Presidente della Camera dei Deputati on. Roberto Fico, al Ministro della Salute on. Roberto Speranza, a S.E.R Mons. Vincenzo Paglia e a tutte le Autorita’ religiose, civili e militari che oggi ci onorano qui e a Codogno con la loro presenza. Vorrei esprimere un particolare ringraziamento al Presidente SIAE Giulio Rapetti Mogol e al Maestro Ferzan Ozpetek per aver suggerito l’istituzione di questa Giornata. Uno spunto che il Parlamento ha colto appieno approvando una legge, la 155 del 13 novembre 2020 che istituisce quale solennita’ civile il 20 febbraio in ricordo degli operatori sanitari scomparsi per il contagio. Saluto Frank Ulrich Montgomery, Presidente del Comitato Permanente dei Medici Europei (CPME), per la Sua presenza in collegamento da Berlino e per aver voluto fortemente ricordare l’impegno di tutto il personale sanitario europeo a seguito dell’avvio della epidemia nel nostro continente un anno fa a Codogno”.

“Porgo il benvenuto in questo luogo che simbolicamente rappresenta la casa di tutti i medici e odontoiatri- ha proseguito Anelli- Insieme al Presidente Nazionale degli Odontoiatri Raffaele Iandolo esprimo ai presenti i sentimenti di stima e gratitudine, a nome di tutti i medici e gli odontoiatri italiani, in occasione di questa solennita’ civile dedicata a tutto il personale sanitario e sociosanitario. La Giornata nazionale del personale sanitario e sociosanitario, che oggi celebriamo, rappresenta per il nostro Paese il momento per onorare il lavoro, l’impegno, la professionalita’ e il sacrificio nel corso della pandemia di Coronavirus di tutti i medici, degli operatori sanitari, sociosanitari, socioassistenziali e del volontariato”.

“Sono circa 2 milioni e mezzo- aggiunge ancora Anelli- le persone che sono guarite dal Covid grazie anche al fondamentale contributo di tutti gli operatori della sanita’ in una pandemia che ha fatto fermare il mondo e che continua a mietere vittime sia tra la popolazione che tra i medici. A oggi sono purtroppo 326 i colleghi deceduti a causa della pandemia. I medici hanno tenuto fede al loro Giuramento, ai principi contenuti nel Codice di Deontologia Medica. Si sono impegnati, con un atto solenne all’inizio della Professione, a curare tutti, senza discriminazione, ad avere cura dei propri pazienti in ogni emergenza, a curarli senza arrendersi mai. Per noi medici ‘Ogni vita conta’”.

“L’esercizio della Professione medica impone sempre un rapporto di reciprocita’ con la persona, spesso una persona che soffre- spiega ancora Anelli- Nell’alleviare il dolore e nella cura della sofferenza si scopre il senso, la vocazione di essere medici: ossia fare il bene, operare per il bene della persona e della comunita’. Tutte le competenze acquisite, le abilita’ possedute per esercitare questa straordinaria Professione hanno un’unica finalita’: fare il bene; il bene della persona e di tutti i cittadini, senza distinzione alcuna. Il medico diventa cosi’ uno strumento fondamentale della democrazia del bene, ossia garante di quei diritti che rappresentano il bene per ogni persona. Si tratta di valori che vengono messi in pratica sempre, ma che sono diventati drammaticamente evidenti durante l’emergenza da Covid-19”.

“Ed e’ per questo che non basta il titolo accademico per chiamarsi medico- conclude- occorre l’ingresso e la permanenza nell’Ordine e l’adesione a principi autonomamente condivisi, che impegnano a mettere al servizio del bene, degli altri, della comunita’ le competenze acquisite. La pandemia di Covid ha messo in luce e amplificato carenze e zone grigie preesistenti nel nostro Servizio Sanitario Nazionale, frutto di decenni di tagli lineari e di politiche alimentate da una cultura aziendalistica che guardava alla salute e ai professionisti come costi su cui risparmiare e non come risorse sulle quali investire. Carenze nella sicurezza che hanno portato molti medici a contagiarsi, alcuni a pagare con la vita il loro impegno. Il primo medico a perdere la vita e’ stato Roberto Stella, Presidente dell’Ordine dei Medici di Varese e nostro stretto collaboratore. Da quell’undici marzo, giorno in cui il nostro compianto Roberto Stella ci ha lasciato, le bandiere della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri sono rimaste a mezz’asta in segno di lutto. Abbiamo il dovere di proteggere i nostri operatori sanitari, come fondamento per la sicurezza delle cure. Per questo la vaccinazione dei medici e degli operatori sanitari rappresenta il dispositivo di protezione individuale piu’ efficace. Ringrazio i parlamentari e tutte le forze politiche per aver voluto istituire quale solennita’ civile questa giornata quale ufficiale riconoscimento rivolto a tutti gli operatori sanitari e la dedichiamo al ricordo di tutti i nostri colleghi che ci hanno lasciato e alle famiglie che vivono con dolore la loro scomparsa”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»