VIDEO | Scoperto giro di escort nel centro di Palermo, tre arresti

A VPN is an essential component of IT security, whether you’re just starting a business or are already up and running. Most business interactions and transactions happen online and VPN
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

PALERMO – La polizia di Palermo ha arrestato tre persone accusate di avere gestito una casa di prostituzione. I provvedimenti del blitz ‘Express Service’ hanno colpito Maria Arena, Rita Barrile e Felice Gambino di 38, 34 e 47 anni per ordine del gip del Tribunale.

Tutti sono ritenuti responsabili dei reati di esercizio di casa prostituzione, sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione.

Il giro di escort scoperto coinvolgeva numerose ragazze, dieci palermitane e una di nazionalità rumena. Le donne si prostituivano all’interno di appartamenti messi a disposizione dagli indagati a ridosso del centro cittadino. In alcuni casi le donne venivano anche accompagnate a casa dei clienti.

Dalle indagini, inoltre, è emerso che i destinatari della misura cautelare svolgevano una vera e propria “opera di intermediazione” con i clienti, pubblicando annunci su siti Internet, pubblicizzando le ragazze a loro disposizione e prendendo per loro gli appuntamenti.

Le prestazioni avevano un costo variabile da 30 a 100 euro in relazione al tipo di ‘servizio’ richiesto: una percentuale andava agli arrestati di oggi.

Nel corso dell’operazione gli agenti hanno inoltre sequestrato un immobile in via G. Serenario, utilizzato per gli incontri“. L’operazione ‘Express Service’ ha portato inoltre alla notifica di un obbligo di firma per una quarta persona indagata. Si tratta di una donna palermitana di 32 anni che ha dato in affitto agli arrestati un immobile utilizzato poi per l’attività di prostituzione.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

20 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»