Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Un matrimonio da favola, arrivano gli abiti da sposa ispirati alle principesse Disney

Disney e Allure Bridals presenteranno l'intera collezione durante la settimana della moda nuziale di New York nell'aprile 2020
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print







Precedente
Successivo

(Foto a Disney Park Blog)

ROMA – Un matrimonio da favola? La Disney è pronta a realizzare alla lettera il sogno di tante ragazze, grazie alla nuova collezione Disney Fairy Tale Weddings in collaborazione con Allure Bridals. 16 gli abiti ispirati allo stile e allo spirito delle principesse Disney, come Aurora, Jasmine, Cenerentola, Pocahontas, Rapunzel, Tiana e Biancaneve. Allure Bridals presenteranno l’intera collezione durante la settimana della moda nuziale di New York nell’aprile 2020. La notizia è diffusa sui social della Disney, dove sono apparse le prime immagini di 3 degli abiti in produzione: quelli di Belle, Ariel e Tiana.

La collezione di matrimoni Disney Fairy Tale, si legge su Disney Park Blog, “sarà disponibile in alcune boutique da sposa del paese (Stati Uniti n.d.r.). Sette dei 16 abiti saranno presenti esclusivamente nei negozi Kleinfeld Bridal di New York e Toronto come la collezione Platinum Disney Fairy Tale Weddings. Compreso lo splendido abito Tiana Platinum, che incarna sia la praticità che la creatività di Tiana, in un elegante abito da ballo coperto da viti e fiori scintillanti”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»