World Press Photo, annunciati i finalisti

Condividi su facebook Condividi su twitter Condividi su whatsapp Condividi su email Condividi su print Precedente Successivo ROMA -
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print





Precedente
Successivo

ROMA – Sono stati annunciati oggi i finalisti della 62esima edizione del World Press Photo (WPP), il più importante concorso di fotogiornalismo al mondo, organizzato dall’omonima fondazione olandese dal 1955.

Con essi, arriva un’altra importante notizia: l’esposizione internazionale tornerà a Torino quest’anno. Sarà la terza volta, la seconda all’interno dell’ex Borsa Valori di via San Francesco da Paola. L’Associazione C.I.ME. – Culture e Identità Mediterranea rinnova infatti la collaborazione con la Camera di Commercio di Torino, proprietaria dell’immobile. Altra novità, l’inaugurazione e la durata: taglio del nastro il 28 settembre. L’esposizione, visto il crescente successo riscosso, sarà allestita fino al 17 novembre. Come per l’anno scorso, le foto saranno accompagnate da un fitto calendario di conferenze e incontri, in collaborazione con istituzioni e realtà locali, per un vero festival sull’attualità.

Quanto alla mostra, oggi sono stati resi noti tutti i finalisti. I vincitori saranno invece annunciati l’11 aprile nel corso di una cerimonia ad Amsterdam.

 Al seguente link sono disponibili gli scatti per ogni sezione:

https://www.worldpressphoto.org/collection/photocontest/winners/2019/37614/2019-Photo-Contest-Nominees

Per selezionarli, i giudici hanno esaminato 78801 fotografie di 4738 fotografi da 129 paesi diversi. Tra le foto che sono state presentate oggi, oltre ai candidati per il World Press Photo of the Year, anche i tre finalisti per ciascuna delle otto categorie del concorso. La novità è l’introduzione di un nuovo premio: il World Press Photo Story of the Year, riconoscimento al fotografo “la cui creatività visiva e abilità hanno prodotto una storia con eccellenti editing e sequenza fotografici, su un grande evento o una questione di rilevanza giornalistica del 2018”. Tra i tre finalisti per questo riconoscimento ci sono Marco Gualazzini, con un reportage nel bacino del Ciad, Lorenzo Tugnoli, con un lavoro per il Washington Post, e Pieter Ten Hoopen che ha seguito una carovana dei migranti diretta negli Stati Uniti.

 I finalisti per il World Press Photo 2018 (il premio, tra tutti, più importante) sono invece lo stesso Marco Gualazzini, Mohammed Badra, Chris McGrath, John Moore e Brent Stirton. L’anno scorso il premio era stato vinto da Ronaldo Schemidt: aveva immortalato un ragazzo in fiamme durante le proteste contro il governo di Maduro.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»