De Ponte (ActionAid): “Lanciamo l’app per la democrazia”

https://www.youtube.com/watch?v=w8vu2SMZrE8&feature=youtu.be ROMA - "L'applicazione realizzata da ActionAid con Zerocalcare, disponibile da oggi, si rivolge a una audience diversa da quella cui
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “L’applicazione realizzata da ActionAid con Zerocalcare, disponibile da oggi, si rivolge a una audience diversa da quella cui normalmente si rivolge ActionAid, che e’ un organizzazione che si occupa della qualita’ della democrazia”. Cosi’ Marco De Ponte, segretario generale di ActionAid, intervistato dall’agenzia ‘Dire’ a margine della presentazione al Maxxi di Roma dell’app ‘Demopatia. Viaggio nelle viscere della democrazia’. De Ponte continua parlando del lavoro dell’ong, nata a Londra nel 1972. “In 50 paesi del mondo – spiega – ci occupiamo di vari temi, ma penso che esistiamo per migliorare la democrazia”.

Attraverso l’app, definita un progetto di “digital story telling”, si intende riscoprire e diffondere il significato del concetto di democrazia. Lo strumento sono le vignette realizzate da Michele Rech, in arte Zerocalcare, in collaborazione con Manolo Luppichini e Ivan Giordano. Il progetto e’ stato presentato ieri sera al Maxxi, il Museo Nazionale delle arti del XXI secolo, a Roma. “L’app si chiama ‘Demopatia’, che vuol dire la sofferenza della gente” dice De Ponte. “Ora dobbiamo passare alla democrazia, che e’ il potere della gente”.

ACTIONAID E ZEROCALCARE PRESENTANO L’APP ‘DEMOPATIA’ 

“Nella societa’ italiana sono cresciute disuguaglianze di reddito e tra le persone, questo ha generato rabbia nella popolazione che ha portato alcuni Paesi a derive autoritarie”: cosi’ Marco De Ponte, segretario generale di ActionAid in apertura della serata di presentazione della applicazione ‘Demopatia. Viaggio nelle viscere della democrazia’.

“L’obiettivo di ActionAid – ha proseguito – e’ ottenere una vera democrazia di qualita’ in tutti i Paesi in cui opera”. ll progetto, di “digital story telling”, che riscopre e diffonde il significato della parola “democrazia”, e’ stato presentato dall’ong nella sala del Museo nazionale delle arti del XXI secolo (Maxxi) di Roma.
L’applicazione e’ stata realizzata dal vignettista Michele Rech, in arte Zerocalcare, in collaborazione con Manolo Luppichini e Ivan Giordano.
Zerocalcare, intervenuto al Maxxi, ha commentato: “Quando mi e’ stato spiegato il lavoro di ActionAid ho trovato gli stessi valori in cui mi riconosco, percio’ sono stato contento di contribuire al progetto con contenuti originali a valori che gia’ condividevo”. Poi, riferendosi al suo lavoro, ha aggiunto: “Nel fumetto il personaggio dialoga con alcune persone in vari periodi storici sul tema della democrazia”.
L’utilizzo della app si articola in un racconto in otto capitoli che unisce il linguaggio ironico del fumetto con quello audiovisivo del reportage e include interviste a scrittori, accademici e attivisti per affrontare il tema della crisi della democrazia e delle sue contraddizioni.
A intervenire sul tema dell’importanza della memoria in democrazia e’ stato invece Marino Sinibaldi, direttore di ‘Rai Radio 3′. La senatrice Liliana Segre ha inviato ad ActionAid una lettera nella quale ha ricordato l’importanza della Costituzione, della giustizia e dell’antifascismo.
L’evento si e’ svolto in occasione della mostra monografica ‘Zerocalcare. Scavare fossati – nutrire coccodrilli’, in corso al Maxi fino al 10 marzo.

:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»