Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Ilva, Emiliano: “Ammortizzatori sociali ricadono tutti sulla regione Puglia, governo intervenga”

[video mp4="https://media.dire.it/2017/02/EMILIANO-ILVA.mp4" poster="https://www.dire.it/wp-content/uploads/2017/02/EMILIANO-ILVA.jpg"][/video] ROMA - "Gli strumenti dell'ammortizzatore sociale ricadono tutti sulla Regione Puglia. Si tratta di numeri
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Gli strumenti dell’ammortizzatore sociale ricadono tutti sulla Regione Puglia. Si tratta di numeri molto elevati, abbiamo messo a disposizione tutte le risorse di cui disponevamo, ma temo ci sia bisogno di un’ integrazione del governo”. Lo dice Michele Emiliano, presidente della Regione Puglia, all’uscita dell’incontro al ministero dello Sviluppo Economico per discutere della vicenda dei lavoratori dell’Ilva di Taranto. La riunione e’ ora sospesa, si riprendera’ alle 18 per permettere al viceministro Mise, Teresa Bellanova, di seguire anche la vertenza Alitalia in corso al ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

“Ora la riunione prosegue in ristretta tra sindacati e azienda per il calcolo delle somme necessarie- precisa Emiliano- da parte nostra abbiamo chiarito che per questioni industriali, di salute e ambientali Ilva rappresenta una priorità della Puglia. La mia presenza qui, in una fase tecnica, lo dimostra”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»