Arrivano i decreti attuativi del Jobs act: restano licenziamenti collettivi e demansionamento. Addio co.co.co

La riforma del lavoro del Governo Renzi con oggi è ufficialmente in vigore.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

renzi grandeI decreti legislativi sul jobs act “non hanno subito modifiche sostanziali” nel corso del consiglio dei ministri. In particolare “mantengono la norma sul demansionamento, anche se e’ piu’ corretto chiamarlo rimansionamento”. Questa la conclusione del cdm di oggi che ha lavorato al dossier sul jobs act. A proposito dei licenziamenti collettivi “non c’è nessuna modifica, la norma è rimasta come è entrata”.

Le nuove regole del mercato del lavoro varranno anche sui licenziamenti collettivi. Lo conferma una fonte di governo che ha lavorato al dossier sui decreti legislativi del jobs act.

“Oggi- ha commentato il premier Matteo Renzi in conferenza stampa dopo il cdm- è un giorno atteso da molti anni e da intere generazioni che ha visto la politica fare la guerra ai precari e non al precariato. Parole come mutuo, come ferie, come buona uscita, come diritti entrano nel vocabolario di una generazione che ne e’ stata fino a oggi esclusa in modo inaccettabile. Oggi superiamo i co.co.co. e i co.co.pro. Abbiamo tolto ogni alibi a quelli che dicono che assumere in Italia non e’ conveniente. Non solo perche’ si e’ fatta una riduzione importante delle tasse, ma anche perche’ gli elementi di incertezza non ci sono più”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»